MISEREOR, il metodo del Vangelo è a disposizione dell'opera della Chiesa

La organizzazione voluta dal cardinale Frings oggi sostiene 3000 progetti in 86 paesi

MISEREOR
Foto: MISEREOR / FB
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Non tutte le organizzazioni caritative si limitano a portare pesci a chi ha fame. Altre, come MISEREOR, credono sia più meglio insegnare a pescare. Fuor di metafora: promuovere lo sviluppo finanziando progetti di organizzazioni locali. Ralph Allgaier, responsabile della Comunicazione di MISEREOR, spiega ad Acistampa, come funziona la catena di aiuti. 

Signor Allgaier, descriva il lavoro di MISEREOR in Asia, America Latina e Africa e per quali vie l’aiuto arriva infine alle persone bisognose.

MISEREOR è convinto che la gente locale stessa di solito sappia meglio come risolvere i propri problemi e migliorare le proprie condizioni di vita. La promozione e il sostegno professionale di MISEREOR sono orientati di conseguenza”.

Si spieghi meglio. 

MISEREOR non realizza direttamente i suoi progetti, ma promuove il lavoro delle organizzazioni partner nei paesi del Sud del mondo. Per essere sostenute da MISEREOR, queste organizzazioni devono presentare una “domanda” che viene attentamente esaminata sulla base di vari criteri. Se la valutazione è positiva, MISEREOR approva il finanziamento, che non è solo finanziato da donazioni e raccolte, ma anche in larga misura da fondi del Ministero federale tedesco per la cooperazione economica e lo sviluppo. È importante che la natura e l'attuazione del progetto siano sviluppate su un piano di parità con le organizzazioni partner”.

Dunque l’obiettivo non è tanto tamponare una situazione di emergenza…

No, l'obiettivo è più che altro quello di ottenere un miglioramento a lungo termine delle condizioni di vita nelle regioni svantaggiate del mondo e di permettere ai beneficiari di condurre una vita sana e dignitosa, senza assistenza esterna nel prossimo futuro”. 

Come è nato MISEREOR e a quale scopo?

MISEREOR è stato fondato nel 1958, in parte su iniziativa del cardinale Josef Frings di Colonia. In quel periodo, durante una riunione della Conferenza Episcopale Tedesca a Fulda, chiese una colletta quaresimale contro "la fame e la lebbra" in tutto il mondo. Il successo fu travolgente, con donazioni per un totale di oltre 34 milioni di marchi. Questo pose le basi per MISEREOR, che divenne un'istituzione permanente nel 1967. Oggi, MISEREOR è la più grande organizzazione cattolica del mondo per la cooperazione allo sviluppo e sostiene più di 3.000 progetti in 86 paesi. L'organizzazione vede anche il suo compito nel lobbismo politico per aiutare a superare la povertà, la fame, la mancanza di assistenza sanitaria, la mancanza di opportunità educative e le violazioni dei diritti umani”.

Chiunque sia mai andato in una chiesa in Germania durante la Quaresima conosce il "telo della fame di MISEREOR". Potrebbe spiegare in cosa consiste questa campagna? 

I teli della fame del MISEREOR sono una parte centrale delle campagne quaresimali della Cooperazione allo Sviluppo da più di 30 anni. Ogni due anni, un artista disegna la tela della fame attuale. Le parrocchie e le scuole usano l'immagine per affrontare urgenti questioni di giustizia sociale durante la Quaresima e oltre. L'attuale “Sindone della fame” è stata creata dalla cilena Lilian Moreno Sánchez. Intitolata You set my feet on wide space, l'opera è stata creata all'inizio della pandemia di Corona. La base del dipinto è una radiografia che mostra il piede rotto di una persona ferita dalla violenza dello Stato a Santiago del Cile durante le manifestazioni contro la disuguaglianza sociale”.

A proposito di Corona virus. I paesi poveri sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia di Covid-19. Come ha influito questo fatto sul lavoro di MISEREOR nel mondo? 

Corona è una sfida importante, soprattutto per il nostro lavoro in Africa, Asia e America Latina. Molti fondi hanno dovuto e devono ancora essere riassegnati a causa delle conseguenze acute della pandemia per poter alleviare le grandi sfide causate e dovute al COVID-19. Inoltre, la pandemia rappresenta una battuta d'arresto in molte aree della cooperazione allo sviluppo, perché un certo numero di successi del lavoro dei progetti delle nostre organizzazioni partner sono stati annullati”.

Lei lavora da ben undici anni come addetto stampa di MISEREOR. Seconde lei in che modo la fede cristiana ispira le azioni di questa organizzazione?

Nel 1958, la Conferenza Episcopale Tedesca prese il nome MISEREOR dal Vangelo di Marco, più precisamente dal capitolo 8, versetto 2, che recita: "Misereor super turbam", o nella traduzione ecumenica tedesca: "Ho compassione di questo popolo". "Il metodo del Vangelo è a disposizione dell'opera della Chiesa: praticare le opere di misericordia e parlare nella coscienza di coloro che sono i potenti", ha detto il cardinale Frings nel discorso programmatico che ha portato alla fondazione del MISEREOR. E ancora: "Il Vangelo deve quindi essere inoculato nella coscienza di coloro che determinano le condizioni politiche, economiche e sociali”".

Ti potrebbe interessare