Modificato il rito delle Ceneri. Ecco le celebrazioni del Papa a gennaio e febbraio

Ecco il calendario del Papa per i mesi di gennaio e febbraio. Inoltre delle modifiche al rito delle ceneri a causa della pandemia

Il Papa durante il rito delle Ceneri lo scorso anno
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il maestro delle celebrazioni liturgiche pontificie, monsignor Guido Marini, ha reso noto il calendario degli eventi presieduti da Papa Francesco nei mesi di gennaio e febbraio. La Congregazione per il Culto Divino ha pubblicato poi una nota che precisa le modalità che dovranno seguire i sacerdoti durante la celebrazione del rito delle Ceneri.

Per il calendario, Papa Francesco presiederà la Messa in San Pietro per la Domenica della Parola il 24 gennaio alle ore 10. Il giorno dopo, lunedì 25, in occasione della Solennità della Conversione di San Paolo e a chiusura della 54.ma Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, il Papa celebrerà, alle 17.30, i Secondi Vespri, nella Basilica di San Paolo fuori le Mura.

Martedì 2 Febbraio, Festa della Presentazione del Signore, e 25.ma Giornata mondiale della Vita consacrata, il Pontefice presiederà la Messa alle 17.30 nella Basilica vaticana con i membri degli Istituti di Vita Consacrata e delle Società di Vita Apostolica.

Per le ceneri, mercoledì 17 febbraio, ci saranno delle modifiche alla celebrazione a causa dell'attuale emergenza sanitaria. "Dopo aver benedetto le ceneri e averle asperse con l’acqua benedetta, il sacerdote – precisa la nota – si rivolge ai presenti recitando una volta sola per tutti la formula come nel Messale Romano: 'Convertitevi e credete al Vangelo', oppure: 'Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai' ”.

"Il sacerdote asterge le mani e indossa la mascherina a protezione di naso e bocca, poi impone le ceneri a quanti si avvicinano a lui o, se opportuno, egli stesso si avvicina a quanti stanno in piedi al loro posto. Il sacerdote, si conclude, prende le ceneri e le lascia cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla”, conclude la nota della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti.

 

Ti potrebbe interessare