Monsignor Georg Ratzinger e il fratello Joseph, ricordi di una vita intera

Un colloquio con il fratello del Papa emerito

Una foto recente di Monsignor Georg Ratzinger
Foto: ACI Stampa
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

 

Visite semplici e privatissime, quattro volte l’anno nei momenti più significativi per anniversari e compleanni. “E’ sempre un momento molto festoso e solenne quando si scende dall’aereo, - mi raccontava.-  E poi c’è sempre un’accoglienza gioiosa da parte delle memores, i segretari, suor Christine, che rendono l’accoglienza molto bella. Poi vado a visitare mio fratello nella sua stanza. Quello è il nostro primo incontro, ed per me è tornare a casa, quando ci raccontiamo le ultime novità. La casa è l’incontro con mio fratello dovunque sia. E sento che qui la famiglia del papa è diventata anche la mia famiglia. Si parla di Regensburg, dei vicini, delle persone che conosce da tempo, dei compagni di studio. Ogni mattina il mio pensiero per lui è che possa avere la salute e la forza, di cui ha bisogno per compiere la sua missione.”

Di piccole storie quotidiane da raccontare ce ne sarebbero tante, ma sono private e i due fratelli hanno sempre molto amato il loro piccolo mondo. Tanto che la scorsa settimana nel viaggio improvvisato di Benedetto XVI a Ratisbona ai giornalisti è stata chiesta discrezione.

Ma c’è il ricordo della sue parole, del “fratellino” perché monisgnor Georg era il fratello maggiore.

Eccolo:

“Qual è il primo ricordo del “fratellino”?

E’ difficile rispondere e ricordare. Della nascita ricordo poco, eravamo piccoli e anche al battesimo non ero presente perché è stato battezzato subito, e noi fratelli più grandi non siamo andatiperchè era tanto freddo. Poi nella vita quotidiana è arrivato questo bambino tanto piccolo e sinceramente non sapevo molto che fare con questo bimbo così piccolo.

Poi quando siamo un po’ cresciuti eravamo i due maschi e abbiamo giocato molto insieme e fatto tante cose insieme. Cero all’inizio ero legato più con mia sorella perché eravamo i due figli maggiori, in casa, però con gli anni si è costruito un contatto più intenso con il fratello piccolo. Noi due costruivamo insieme il presepe, e poi tra i giochi più frequenti c’erano giochi spirituali, noi lo chiamiamo il “gioco del parroco” e lo facevamo noi due, nostra sorella non partecipava. Si celebrava la messa e avevamo delle casule fatte dalla sarta della mamma proprio per noi. E uno volta a turno eravamo il ministrante o il chierichetto.

Poi il seminario, e la passione per la liturgia, la musica, lo studio...

E’ stato uno sviluppo continuo. Fin da piccoli abbiamo vissuto con un amore per la liturgia e questo è proseguito via via nel seminario, ma non si è aggiunta la musica fuori della liturgia. E’ stato un tutt’uno.

Dopo la prima messa?

Per tre anni siamo stati separati perché nel 1947 Joseph è andato a Monaco e nel 1950 ci siamo ritrovati a Frisinga. Dopo l’ordinazione dal novembre del 1951 ad ottobre 1952 stavamo in parrocchie confinanti e c’era in mezzo solo un parco a Monaco. Io avevo la chiesa di San Ludwig e Joseph al Preziossismo Sangue.

E’ vero che soprattutto Joseph ha accettato di diventare professore a Bonn anche in vista della utilità della famiglia. Nel 1955 i nostri genitori si sono trasferiti da lui a Frisinga e nel 1956 si è aggiunta anche nostra sorella, e così quando io ero libero ho sempre raggiunto la famiglia a Frisinga. Il fratellino era il riferimento per tutti, non era un problema per noi tutti.

E quando è divenuto  vescovo e cardinale?

Prima siamo stati separati mentre Joseph era a Bonn, a Münster e Tubinga. Poi alla fine ci siamo ritrovati a Ratisbona, io a dirigere i Domspatzen e mio fratello all’università.  E’ stato un periodo molto bello ed intenso, noi tre fratelli eravamo riuniti. Certo con la nomina e il trasferimento a Monaco, ma la distanza non era tanta, era piuttosto la mancanza di tempo che ci teneva lontani perché Joseph era impegnato come vescovo e cardinale.

E  il trasferimento a Roma?

In effetti è stata un po’ come una perdita quando si sono trasferiti a Roma, anche perché sapevo che era una grande responsabilità per mio fratello e sapevo che avremmo avuto pochi contatti.

Tre volte l’anno io andavo a Roma, soprattutto l’estate, e a Natale i miei fratelli venivano da me, nella sua casa a Pentling e ci teneva molto, quella era proprio casa sua. Ma soprattutto c’erano degli appuntamenti fissi per vedersi, come per l’Ascensione, quando mio fratello veniva per il ritiro spirituale e poi rimaneva qualche giorno a Pentling. Ad agosto andavamo in vacanza insieme, a Bad Hofgastein, a Bressanone, a Linz.

Nel periodo in cui eravate lontani c’è un episodio particolare che Joseph raccontava?

Il momento sempre più bello era l’arrivo del cardinale che tornava nel suo paese. Atterrava a Monaco, lo andava a prendere il sig. Künel, e quando ero ancora direttore del Coro, veniva per una cena solenne. Questo segnava l’inizio delle vacanze ed era molto bello. e poi dopo che sono andato in pensione questa cena si svolgeva nella Lutzgasse, dove vivo tuttora. Era un vero rito di accoglienza anche se non c’era una esibizione del coro. E si faceva sempre una cena di cose scelte che gli piacevano particolarmente.

Qualche ricordo del passato?

Maria nostra sorella completava il trio. Da quando non c’è non c’è più questo trio. Naturalmente la sua presenza richiamava anche la presenza dei nostri genitori. Anche se mancavano lei è sempre stata la persona che ci faceva pensare a loro.

E quando ha saputo la notizia che il fratello è diventato Papa?

Durante il conclave non ho mai pensato che mio fratello potesse diventare papa. Anche altri me lo hanno chiesto, ma io ero sempre convinto che non fosse possibile perché era troppo anziano ormai. Mi ricordavo di papa Giovanni XXIII che era anche un anno più giovane, e poi il collegio dei cardinali si era assottigliato. Papa Pio XII non aveva fatto più cardinali, e quindi c’era anche una scelta ristretta. Ma nel 2005 non era più così, per cui lui non se lo aspettava proprio.

Poi quando è arrivata la notizia la primissima reazione è stata di tristezza, perché ero consapevole del fatto che come papa sarebbe stato trasportato fuori dalla  sua vita privata e personale. Ma non sapevo invece che si può mantenere un rapporto molto personale con il papa e incontralo come faccio adesso, con tutti i privilegi che ho ricevuto per arrivare e ripartire. Ho tutte le agevolazioni per incontrare comunque il papa come fratello.

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare