Myanmar, il messaggio di pace del Cardinale Bo. "Abbiamo bisogno di Divina Misericorda"

Nella domenica della Divina Misericordia, l’arcivescovo di Yangon è stato a Myitkyna, città diventata nota per le violenza e per la suora inginocchiata davanti ai miitari

Il cardinale Bo durante una sua visita a Roma del 2017
Foto: Archivio ACI
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La città di Myitkyna, in Myanmar, è diventata nota quando Suor Ann Rose delle Sorelle di San Francesco Saverio si è inginocchiata davanti ai militari, implorandoli di cessare le violenze e ispirando persino alcuni dei soldati a raccogliersi in preghiera. Ed è stato lì che il Cardinale Charles Bo, arcivescovo di Yangon, potente voce della Chiesa birmana, è andato a celebrare nella Domenica della Divina Misericordia. Perché – ha detto – la resurrezione è “una forte affermazione che Dio può creare meraviglie anche dalla tomba. La vita sorgerà dalla morte, quando verranno i tempi del Signore. L’ultimo anno è stato un anno di oscurità e morte. Avete sperimentato molta sofferenza umana. Preghiamo che il cuore di Gesù guarisca tutti: l’oppressore e l’oppresso”.

Il Cardinale Bo ha ricordato che la città è divenuta nota “per tristi ragioni”, come “l’uccisione di innocenti nelle strade, specialmente di fronte le chiese”, ma anche di fede e sacrificio, perché “viviamo in una nazione dove centinaia di madri convivono con lacrime inconsolabili e i loro cuori feriti”.

Il presidente dei vescovi asiatici si dice anche “grato per la grande testimonianza data dalla Chiesa cattolica durante la crisi”, a partire proprio da quello di Suor Ann Rose. Una testimonianza che è “un messaggio di amore che redime, che ricapitola il messaggio della divina misericordia: il perdono di fronte all’oscurità, l’amore di fronte all’odio”.

E così, il Cardinale Bo sottolinea di dover “cercare la misericordia di Dio” in mezzo a tutte le sfide di oggi, prega che le famiglie e i bambini siano “custoditi dalla misericordia e compassione di Gesù, il cui amore è inesauribile”, ricorda il messaggio di Santa Faustina, perché “oggi più che mai, la nostra comunità ha bisogno di misericordia” e “se noi siamo compassionevoli e misericordiosi, Dio ci ricompenserà cento volte tanto”.

Per il Cardinale Bo, non è tanto la fame il problema del nostro popolo, quanto il fatto che le persone siano “traumatizzate” e che il loro spirito “sia danneggiato dalla violenza di strada”, tanto che hanno bisogno di conforto, ma anche del più grande conforto di tutti: la preghiera.

“Abbiamo visto – dice il Cardinale Bo – come la mancanza di pace nel cuore di alcune persone possa portare un danno ancora più grande all’umanità intera”, perché “le persone che non possono vivere in pace, che non possono permettere ad altri di vivere in pace, distruggono la pace di tutti”.

Guardando alla regione di Kachin, l’arcivescovo di Yangon nota che questa “è stata benedetta da molte ricchezza sul suolo e nel sottosuolo”, ma questo “non ha portato la pace, ma solo conflitto”.

L’appello del Cardinale Bo è di avere “la grazia e il coraggio di perdonare e riconciliarci con il nostro peggiore nemico e dargli il beneficio dell’amore. Non rispondiamo all’inumanità con inumanità, alla brutalità con brutalità. Una guerra civile ferirebbe tutti, e ci vorrebbero decenni perché tutto si ripari. Non prendiamo la strada dell’autodistruzione”.

Ti potrebbe interessare