Papa Francesco in ospedale, ieri giornata tranquilla, graduale ripresa del lavoro

La Sala Stampa della Santa Sede rende noto che gli esami del sangue sono soddisfacenti e che il Papa ha ripreso del lavoro e ha celebrato Messa

Il Policlinico Gemelli di Roma, dove Papa Francesco è ricoverato
Foto: Courteny Mares / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ha ripreso lavoro, passeggia, ha celebrato Messa nella cappellina privata, ha cenato con le persone che lo assistono: il bollettino quotidiano sulla salute di Papa Francesco, operato al colon lo scorso 4 luglio, è confortante.

Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, ha reso noto che “la giornata di Papa Francesco è stata tranquilla, con il decorso clinico atteso. Gli esami del sangue sono soddisfacenti e prosegue le cure prescritte. Sta riprendendo gradualmente il lavoro e continua a passeggiare nel corridoio dell’appartamento”.

Prosegue Bruni: “Nel pomeriggio, ha celebrato la Santa Messa nella Cappellina privata e in serata ha consumato la cena comunitariamente con quanti lo assistono in questi giorni”.

Infine, il diretto della Sala Stampa della Santa Sede rende noto che Papa Francesco “toccando con mano l’umana dedizione del personale medico – sanitario che lo assiste, rivolge un particolare pensiero a tutti coloro che con cura e compassione scelgono il volto della sofferenza, coinvolgendosi in una relazione personale con gli ammalati, soprattutto i più fragili e vulnerabili”.

Domani Papa Francesco reciterà l’Angelus dal Gemelli, come già aveva fatto diverse volte Giovanni Paolo II. Non si sa se lo farà dalla sua stanza di ospedale o se si affaccerà dalla finestra del decimo piano. Contrariamente a quello che si pensa, la stanza del Gemelli riservata al Papa non ha le finestre che danno sulla piazza, ma sull’interno. La finestra da cui si affacciava Giovanni Paolo II, e da cui presumibilmente si affaccerà Francesco, è quella della sala riunioni, dove i medici decidono cure, terapie ed eventuali operazioni.

Ti potrebbe interessare