Papa Francesco, una enciclica sulla non violenza?

Il Cardinal Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio Consiglio delle Giustizia e della Pace, durante un conferenza stampa in Sala Stampa Vaticana
Foto: CNA Photo Archive
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Tre giorni per parlare di guerra giusta, e di un nuovo sviluppo del suo concetto. Con l’idea finale di proporre a Papa Francesco la stesura di una enciclica sulla non violenza. Sono questi i temi che si sono sviluppati durante una conferenza di tre giorni, che si è tenuta dall’11 al 13 aprile organizzata dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace e da Pax Christi.

L’idea di guerra giusta era stata sviluppata dal Cardina Peter Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace. “I media, e l’opinione pubblica influenzata dai media – ha detto – diffonde una interpretazione scorretta del concetto religioso di guerra giusta”.

Perché “in origine, Sant’Agostino e San Tommaso l’hanno formulata in maniera chiesa”, ma questo concetto fu trattato in maniera piena in un epoca “in cui l’Europa era governata da popoli barbari per i quali la sola cosa che contava era la violenza”. Allo stesso tempo “questi popoli guardavano comunque alla Chiesa come un potere civilizzante a causa della sua natura religiosa”, e allora “la Chiesa cercò di allargare la sua prospettiva di pace riducendo progressivamente le condizioni secondo le quali un principe potesse fare uso della forza”.

Poi arriva la secolarizzazione, ogni principe è chiamato a decidere se la guerra giusta vada applicata oppure no. Allora come applicare la distinzione?

Ne hanno discusso appunto i partecipanti alla conferenza. E in generale si è chiesto di fare un documento magisteriale sul tema, perché fosse chiara la posizione della Chiesa contro la non violenza e contro il concetto di guerra giusta. In un appello comune, gli 80 partecipanti alla Conferenza hanno sottolineato che “non c’è una guerra giusta” e che “troppo spesso il tema di una guerra giusta è stato utilizzato per appoggiare la guerra, piuttosto che per evitarla o limitarla”. Il solo suggerimento che “una guerra giusta è possibile mina l’imperativo morale a sviluppare strumenti e capacità per trasformazioni non violente del conflitto”.

Per questo – dicono – “c’è bisogno di una nuova cornice che sia aderente al Vangelo della non violenza. Proponiamo che la Chiesa cattolica sviluppi e consideri a un approccio su una pace giusta, basata sul Vangelo della non violenza”.

Un tema interessante, senza dubbio. Un cambio di linguaggio, che sarà da vedere come applicare in situazioni limite. La diplomazia della Santa Sede, sotto la guida del Cardinal Parolin, ha molto sviluppato l’idea del “dovere di proteggere” e in varie occasioni lo stesso Segretario di Stato ha mostrato di appoggiare l’idea di un intervento militare in case di crisi, se questa fosse l’estrema ratio.

Da una parte c’è l’ideale, dall’altra la necessità per la Santa Sede di fare un passo alla volta per affermarlo, considerando sempre il bene comune delle persone.

Sono quattro le condizioni per una guerra giusta, così come sono delineate nel Catechismo della Chiesa Cattolica: che la guerra sia una extrema ratio; che sia dichiarata dalla legittima autorità; che sia intrapresa per una giusta causa; che sia condotta nei modi legittimi, commisurati al fine della guerra.

Ti potrebbe interessare