Patti, il Vescovo eletto si presenta alla diocesi

Monsignor Giombanco
Foto: Diocesi di Acireale
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Arriva dalla diocesi di Acireale il nuovo vescovo di Patti. Si tratta del  Vicario Generale Mons. Guglielmo Giombanco che diventa il 102esimo pastore della diocesi di Patti. Succederà a Mons. Ignazio Zambito che lascerà la diocesi per raggiunti limiti di età: ha infatti compiuto 75 anni lo scorso 25 gennaio. “Lo scorso 25 gennaio, giorno del mio 75° compleanno, il Santo Padre, rispondendo alla lettera con la quale, in obbedienza al Can. 401 §1 del CJC, con un significativo anticipo, ho rimesso nelle sue mani il mandato in forza del quale ho servito la Chiesa pattese, ha accettato le mie dimissioni”, ha detto mons. Zambito ringraziando il Papa e i suoi collaboratori “di cui egli si avvale nel governo della Chiesa, per la sveltezza con cui, ha preso in considerazione la situazione della nostra diocesi”.

“Profonda e filiale gratitudine” esprime al Pontefice il nuovo vescovo, mons. Giombanco nel suo primo messaggio alla nuova diocesi. “Vengo a voi per conoscervi, cioè per amarvi e farvi dono della mia vita. Voi siete la mia nuova famiglia”, ha scritto nel messaggio nel quale si rivolge alle famiglie, ai sacerdoti, ai religiosi e religiose ai seminaristi, “alle sorelle e ai fratelli delle altre confessioni religiose” e agli amministratori dei quarantadue comuni della diocesi. “Al Signore chiedo di benedire tutte le famiglie della nostra diocesi, con speciale attenzione a quelle provate da sofferenze fisiche e morali: penso alla povertà dei valori, alla mancanza di lavoro, alla precarietà nelle scelte di vita, alla solitudine degli anziani e dei sofferenti”, ha scritto il neo vescovo che chiede ai sacerdoti di fargli “spazio” nel cuore “perché, insieme, possiamo amare e servire la comunità cristiana” e  ai consacrate e consacrati l’augurio “di essere sempre più profezia del Regno, perché ci ricordino che anche oggi è possibile condurre una vita animata dalla gioia, dono di Dio a chi lo segue con cuore sincero, e dalla passione per la fraternità”. E ai seminaristi l’augurio affinché “rispondano con gioia alla chiamata del Signore, con la chiara consapevolezza che progettare e vivere nella dimensione del dono è veramente esaltante”.

Nel messaggio anche il ricordo dei fedeli delle altre confessioni religiose presenti nella diocesi siciliana chiedendo “al Signore il dono del discernimento perché possiamo individuare, attraverso l’ascolto reciproco e il dialogo fraterno, percorsi comuni di fede e di testimonianza”. E agli amministratori pubblici l’augurio di “pieno successo” del servizio “a favore delle persone”, assicurando al contempo “la leale collaborazione della comunità ecclesiale”.

 

La notizia di mons. Giombanco alla guida dalla diocesi di Patti è stata data dal vescovo di Acireale Mons. Antonino Raspanti dinanzi ai membri del clero, dei religiosi, delle associazioni, dei movimenti ecclesiali e dei fedeli laici, convocati in assemblea straordinaria. “La diocesi di Acireale in ogni sua componente esprime gratitudine per il prezioso servizio che Mons. Giombanco con grande senso del dovere e competenza ha svolto durante gli anni ed augura ogni bene assicurando preghiere ed attestazioni di stima”, si legge sul sito del giornale diocesano di Acireale “La Voce dello Jonio”.

Ti potrebbe interessare