Per il Giubileo ostensione eccezionale della Sacra Tunica ad Argenteuil

La Sacra Tunica di Argenteuil
Foto: saintetunique.com
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ad Argenteuil in Francia fino al 10 aprile in occasione del Giubileo è in corso la ostensione solenne e straordinaria di quella che la tradizione vuole sia la Sacra Tunica. A decidere l’ostensione è stato il  vescovo di Pontoise e “Guardiano della Santa Tunica” mons. Stanislas Lalanne. La Sacra Tunica si ritiene sia l’indumento che Gesù avrebbe indossato prima della crocifissione.

L’ostensione coincide con i 150 anni della basilica Saint-Denys d’Argenteuil (dove è custodita la Sacra Tunica) e con il 50.mo anniversario della diocesi francese di Pontoise. La tunica, originariamente di un solo pezzo, corrisponderebbe alla descrizione che se ne fa nel Vangelo secondo San Giovanni (Gv 19, 23-24 “I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca. Così si adempiva la Scrittura: Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte. E i soldati fecero proprio così”).

La Sacra Tunica sarebbe dunque l’abito che Gesù avrebbe portato nelle ultime ore della sua vita: durante l’istituzione dell’Eucaristia, nell’agonia a Getsèmani, all’arresto sul monte degli Ulivi, nella comparizione davanti al Sinedrio e davanti a Pilato. La tunica è senza cucitura (inconsutile), tessuta dalla parte superiore tutta di un pezzo. Sarebbe stata indossata da Gesù durante la Via Crucis e per questo maculata dal sangue delle sue ferite. Le prime comunità cristiane la avrebbero considerata come reliquia di grande valore, e la avrebbero conservata per molti secoli in Oriente.

All’inizio del secolo IX, secondo la tradizione, la Tunica è stata offerta dall’imperatrice Irene di Costantinopoli all’imperatore Carlo Magno che l’ha a sua volta affidata al monastero di Argenteuil di cui la figlia Teodrade era priora. La Sacra Tunica è stata conservata durante i secoli senza mai uscire da Argenteuil e viene mostrata non più di due volte per secolo. Le due ultime ostensioni risalgono al 1934 e al 1984. Ulteriori informazioni: http://saintetunique.com/it/

Ti potrebbe interessare