Polonia, la lettera dei vescovi ai fedeli sul dramma degli abusi sarà letta in ogni chiesa

La preghiera dei vescovi nella cattedrale di Cracovia
Foto: EpiskopatNews
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una lettera densa di significato quella che l’episcopato polacco ha inviato a tutti i preti e che domani sarà letta in tutte le celebrazioni della Messa e in tutta la Polonia.

I vescovi chiedono perdono alla vittime degli abusi da parte del clero, sentono profondamente la vergogna anche per non aver saputo prevenire e commentano in modo positivo anche il film che ha recentemente scosso l’opinione pubblica che rivela le storie di alcuni testimoni.

e aggiungono: “Ammettiamo che come pastori della Chiesa non abbiamo fatto di tutto per prevenire questi danni. Per molti credenti, specialmente per i giovani che cercano sinceramente Dio, gli scandali sessuali che coinvolgono il clero diventano una dura prova di fede e una ragione di grande scandalo. La delusione e l'indignazione è il più grande e doloroso dei bambini, invece di prendersi cura dell'amore e dell'accompagnamento nel cercare la vicinanza di Gesù, sperimentato la violenza e la brutale depravazione della dignità del bambino. Fin dall'inizio della sua esistenza, la comunità ecclesiale ha riconosciuto tale comportamento come un peccato estremamente grave; Secondo le parole di Cristo”.

I vescovi si rivolgono alle vittime e alle famiglie: “Le confessioni delle vittime ci spingono, i vescovi, ma anche tutte le persone di buona volontà, ad essere più sensibili ai pericoli; a una maggiore sensibilità per aiutare le vittime. Sia i pericoli che il bisogno di sostegno riguardano ogni comunità, non solo la Chiesa, ma anche famiglie, scuole, circoli sportivi e molti altri gruppi. Le situazioni di vita delle vittime incoraggiano un aiuto più rapido e più efficace per loro. Hanno bisogno di grande sensibilità e supporto per trovare l'equilibrio della vita.

Chiediamo alle vittime danneggiate dal clero di denunciare i danni che hanno sofferto ai superiori della Chiesa e alle autorità statali competenti. In ogni diocesi e in molte province religiose è stato nominato un delegato per ricevere segnalazioni di abusi sessuali su minori da parte di chierici. Inoltre è inteso per aiutare con supporto psicologico, legale e pastorale. Vogliamo sostenere le vittime dall'inizio di questa strada nel prendere le misure necessarie per superare le conseguenze del danno subito”.

Nella lettera i vescovo ringraziano per il Motu proprio di Papa Francesco, e la necessità di essere sempre più chiari nelle denunce, e confermano l’impegno ad una maggiore cura nella preparazione dei sacerdoti, e della cura dei seminaristi, ricordando che tutto quello che fa la Chiesa con i suo ministro non deve essere oscurato dal peccato di alcuni.

Infine un invito a tutto il Popolo di Dio: “insieme a tutte le persone di buona volontà, uniamo i nostri sforzi per identificare ed eliminare i fattori che favoriscono il crimine. Chiediamo sostegno agli educatori e ai bambini e agli educatori della gioventù negli asili e nelle scuole, così come nelle istituzioni educative e di cura. Chiediamo aiuto per acquisire conoscenze e abilità adeguate affinché tutte le istituzioni gestite dalla Chiesa diventino case sicure, che stabiliscano i migliori standard per la protezione dei bambini. Affrontiamo lo stesso appello ai responsabili dei movimenti cattolici e delle organizzazioni giovanili. Cerchiamo di essere più sensibili ai bambini e ai giovani e alle vittime”.

Ti potrebbe interessare