Qual è il monaco benedettino che ha creato il nome delle note musicali ?

Il monaco benedettino Guido da Arezzo è l'ideatore del nome delle note musicali usate oggi dalla maggior parte dei musicisti del mondo

Note
Foto: Diocesi di Torino
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il monaco benedettino Guido de Arezzo è l'ideatore del nome delle note musicali usate oggi dalla maggior parte dei musicisti del mondo.

Guido d'Arezzo era un religioso italiano del Medioevo, che durante il suo periodo presso l'abbazia benedettina di Pomposa (Italia) si distinse per le sue tecniche innovative per imparare nuovi inni liturgici.

Grazie alla sua fama di musicista, l'allora vescovo della diocesi di Arezzo, Teodaldo, gli commissionò la formazione dei cantori della sua cattedrale. Lì scrisse il “Micrologus de disciplina artis musicae”, considerato il più importante trattato di musica del suo tempo.

A raccontare la storia è un articolo di ACI Prensa. Durante il Medioevo, le note musicali erano nominate con lettere dell'alfabeto (A, B, C, D, E, F, G), ma il musicista religioso non considerava questa notazione molto pratica ai fini didattici.

 Affinché i suoi studenti potessero memorizzare il suono esatto di ciascuna di queste note musicali, Guido d'Arezzo decise di rinominarle con la prima sillaba di ogni frase dell'inno Ut queant laxis.

Questo inno a San Giovanni Battista ha la particolarità che ciascuna delle sue frasi inizia con una nota musicale diversa. La lettera è la seguente:

Utqueant laxis, Resonare fibris, Mira gestorum, Famuli tuorum, Solve polluti, Labii reatum, SancteIoannes (Che questi tuoi servi possano esaltare a squarciagola, perdona la mancanza delle nostre labbra impure, San Giovanni).

Guido d'Arezzo chiamò la solmisazione questa nuova tecnica di associazione tra il nome delle note musicali e il loro suono esatto. Successivamente, questo metodo è stato ribattezzato solfeggio.

Sei secoli dopo, il musicista italiano Giovanni Battista Doni ribattezzò la nota Ut di Guido de Arezzo e la ribattezzò Do, perché sentiva che sarebbe stato più facile essere cantata se finisse in una voce.

Oggi, i nomi delle note musicali ideate da Guido de Arezzo sono ancora usati in tutto il mondo. Tuttavia, in paesi come la Germania e alcuni paesi di lingua sacra le prime sette lettere dell'alfabeto sono ancora usate.

Ti potrebbe interessare