Qual è il ruolo pubblico della religione? Dieci anni dopo la visita in UK di Benedetto XVI

Dall'incontro con le vittime di abusi al discorso a Westminter Hall una visita commovente

Papa Benedetto XVI a Westminster Hall
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dieci anni fa si concludeva la prima visita di Stato di un Pontefice nel Regno Unito. Un momento storico perché, come ricorda Bernard Longley Arcivescovo di Birmingham, Giovanni Paolo II nel 1982 aveva visitato la comunità cattolica del paese “ma con la visita di Stato c’era una vera opportunità per ricevere molto ampiamente il ministero dell'insegnamento del Santo Padre.

E, ovviamente significava che il governo del Regno Unito era coinvolto nella preparazione il Santo Padre era ospite di Sua Maestà la Regina. E questo penso sia stato davvero importante e abbia significato una grande gioia. Inoltre era una grande occasione per la comunità cattolica in Scozia, e poi la dimensione ecumenica, la Chiesa d’Inghilterra, Chiesa istituzionale e l'arcivescovo di Canterbury e gli anglicani hanno avuto un grande ruolo nell'accoglienza del Santo Padre, in visita di Stato appunto”.

La vigilia del viaggio era stato un rincorrersi di articoli di giornale che definivano il viaggio di Benedetto XVI “difficile”. Ma di fatto fu un grande successo, e divenne a tratti "commovente" come commentò il Primo Ministro del Governo di Sua Maestà David Cameron. 

Eppure la stampa inglese e italiana avevano fatto del loro peggio per “accogliere” il Papa (come quello di volere far definire al papa "martiri" le vittime della pedofilia). Ma Benedetto XVI piacque alla gente vera. E contro ogni “opinione pubblicata” i discorsi e i gesti dei quattro giorni nelle Isole Britanniche di Benedetto XVI lo hanno dimostrato.

A cominciare dal lavoro per proteggere la riservatezza dell'incontro del Papa con le vittime degli abusi e, soprattutto con il gruppo di protezione dei bambini organizzato dalla Chiesa cattolica.

Non fu un "banale" mea culpa, ma una lettura teologica del peccato e della redenzione attraverso la sofferenza delle vittime, dei colpevoli e di tutti i credenti che provano "vergogna" e gli errori di chi non ha vigilato abbastanza. Dieci anni fa si trattava di un grande passo nella consapevolezza. E la gente lo ha capito perfettamente. Di fatto papa Benedetto XVI alla fin fine ha più successo lontano dai condizionamenti della Curia e lontano da certa stampa italiana.
E mentre a protestare contro la Chiesa e Benedetto XVI c'erano poco più di diecimila persone, a pregare con il Papa e a salutarlo per le strade di Londra, di sabato pomeriggio di persone ce ne erano almeno duecento mila. Senza parlare della beatificazione del cardinale John Henry Newman.

E poi quella riflessione sul giusto posto che il credo religioso mantiene nel processo politico. Il discorso che il Papa ha rivolto ai rappresentanti della società civile riuniti nella millenaria Westminster Hall. Il salone senza pilastri più grande del mondo, il salone dove la giustizia dei re d' Inghilterra aveva il suo corso, dove nel 1535 fu condannato a morte Tommaso Moro per aver scelto di "servire Dio per primo”. Uno dei grandi discorsi politici dei Benedetto XVI.

E le questioni di fondo del processo di Tommaso Moro sono ancora al centro del dibattito moderno, spiega il Papa. "Quali sono le esigenze che i governi possono ragionevolmente imporre ai propri cittadini, e fin dove esse possono estendersi? A quale autorità ci si può appellare per risolvere i dilemmi morali? Queste questioni ci portano direttamente ai fondamenti etici del discorso civile. Se i principi morali che sostengono il processo democratico non si fondano, a loro volta, su nient'altro di più solido che sul consenso sociale, allora la fragilità del processo si mostra in tutta la sua evidenza.” E allora "dove può essere trovato il fondamento etico per le scelte politiche? "

Domanda il Papa. Per i cattolici le norme del retto agire sono "accessibili alla ragione" e " il ruolo della religione nel dibattito politico non è tanto quello di fornire norme, come se esse non potessero esser conosciute dai non credenti, ancora meno è quello di proporre soluzioni politiche concrete, cosa che è del tutto al di fuori della competenza della religione, bensì piuttosto di aiutare nel purificare e gettare luce sull'applicazione della ragione nella scoperta dei principi morali oggettivi." Un ruolo di "correzione"che non è sempre bene accolto, dice Benedetto XVI anche per colpa di "forme distorte di religione, come il settarismo e il fondamentalismo". Insomma la "correzione" tra ragione e religione è " un processo che funziona nel doppio senso.
La preoccupazione del Papa quindi è la evidente marginalizzazione del cristianesimo. "Vi sono, dice, alcuni che sostengono che la voce della religione andrebbe messa a tacere, o tutt'al più relegata alla sfera puramente privata. Vi sono alcuni che sostengono che la celebrazione pubblica di festività come il Natale andrebbe scoraggiata, secondo la discutibile convinzione che essa potrebbe in qualche modo offendere coloro che appartengono ad altre religioni o a nessuna. E vi sono altri ancora che, paradossalmente con lo scopo di eliminare le discriminazioni, ritengono che i cristiani che rivestono cariche pubbliche dovrebbero, in determinati casi, agire contro la propria coscienza". Segnali inquietanti della incapacità di rispettare "il ruolo legittimo della religione nella sfera pubblica."

Il discorso di Benedetto XVI  si concludeva con con un pensiero agli angeli “che ci guardano dalla magnifica volta di questa antica Sala ci ricordano la lunga tradizione da cui il Parlamento britannico si è sviluppato. Essi ci ricordano che Dio vigila costantemente su di noi, per guidarci e proteggerci. Ed essi ci chiamano a riconoscere il contributo vitale che il credo religioso ha reso e può continuare a rendere alla vita della nazione."

Ti potrebbe interessare