"Recognitio" e smuratura per le Porte Sante di San Pietro e del Laterano

La recognitio a San Pietro
Foto: Osservatore Romano
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Recognitio” per le Porte Sante in vista del prossimo Giubileo Straordinario della Misericordia. Oggi pomeriggio il rito si è svolto nella Basilica Vaticana, presieduto dal Cardinale Arciprete Angelo Comastri. Ieri pomeriggio era avvenuto nella Basilica di San Giovanni in Laterano, presieduto dal Cardinale Vicario per la Diocesi di Roma, Agostino Vallini.

Il rito nella Basilica Vaticana è stato raccontato da padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa della Santa Sede: “Dopo una preghiera del cardinale arciprete Angelo Comastri, che ha guidato la processione del Capitolo della Basilica, e la monizione di un cerimoniere, quattro ‘sampietrini’ hanno forato a colpi di piccone il muro che sigilla la Porta Santa all'interno della Basilica, estraendo la cassetta metallica custodita dal momento della chiusura del Grande Giubileo dell'Anno duemila e contenente i ‘documenti’ dell'ultimo Anno Santo, tra cui la chiave che consentirà di aprire la Porta santa, le maniglie, oltre alla pergamena del rogito, mattoni e medaglie commemorative”.

“Dopo aver pregato all'altare della Confessione – prosegue la nota -, il corteo processionale ha raggiunto la Sala capitolare dove la cassetta metallica estratta dalla porta è stata aperta con la fiamma ossidrica”.

Ai due momenti hanno partecipato Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, cui Papa Francesco ha demandato l’organizzazione del prossimo anno giubilare, Mons. Guido Marini, Maestro delle Celebrazioni liturgiche pontificie, che “ha ‘preso in consegna’ i documenti e gli oggetti della Recognitio”, i rispettivi capitoli e diversi fedeli.

Nella sua semplicità, la “Recognitio” è il primo atto giuridico formale in vista dell’anno giubilare. Si tratta di una vera e propria smuratura della parte interna della Porta Santa – svolta dagli operai dei Servizi Tecnici del Governatorato dello Stato Città del Vaticano – per verificare i sigilli e l’integrità dell’urna posta all’interno della Porta al momento della chiusura del precedente Giubileo. Fino a tarda sera gli operai hanno lavorato per togliere i mattoni che recavano il nome del Papa “regnante” nel corso dell’ultimo Anno Santo del 2000, Giovanni Paolo II.

Quello che è avvenuto alla Basilica lateranense, la cattedrale di Roma, lo spiega lo stesso settimanale della Diocesi. “Una volta staccata la lapide con la grande croce, che campeggia sulla parte centrale della parete, gli operai hanno proceduto a recuperare la Capsa, la cassetta di zinco all’interno della quale, nel 2000, venne conservato il verbale certificante la chiusura della porta. Oltre ad esso, la cassetta di zinco conteneva anche la chiave della porta santa e 41 medaglie con lo stemma papale di Giovanni Paolo II: una d’oro coniata nel 2000, 23 d’argento come gli anni del pontificato di Woytila ai tempi dell’ultimo giubileo, e 17 in bronzo, una per ogni anno trascorso dal 1983, Giubileo della redenzione, al 2000”.

Le prossime Porte Sante ad essere smurate saranno quelle di Santa Maria Maggiore e di San Paolo fuori le mura, che insieme a quelle di San Pietro e di San Giovanni in Laterano, rappresentano le quattro basiliche patriarcali alla base del pellegrinaggio giubilare. In occasione del prossimo Anno Santo, tuttavia, Papa Francesco ha previsto che ogni diocesi abbia la sua Porta Santa, come indicato nella Bolla di indizione “Misericordiae Vultus”.

Ti potrebbe interessare