Roma: a San Luca Evangelista apre lo sportello “Spazio per te”

"Uno sportello per i diritti" aperto nella Parrocchia di San Luca Evangelista a Roma

San Luca Evangelista
Foto: https://www.beweb.chiesacattolica.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nella parrocchia di San Luca Evangelista a Roma c'è lo sportello dal nome “Spazio per te”, dove è possibile ricevere informazioni sui i diritti e sulla loro esigibilità. Un servizio importante per il V Municipio che permette, a chiunque ne avesse bisogno, di conoscere i cosiddetti “diritti inespressi”. Spazio per te accoglie tutti coloro che hanno bisogno di aiuto per scoprire se lo Stato prevede delle sovvenzioni o degli interventi particolari in determinate situazioni di disagio.

L’iniziativa è una collaborazione tra la Caritas di Roma con il progetto Quartieri Solidali e il coordinamento donne dei sindacati dei pensionati del Municipio V. "Uno spazio per te è un importante servizio per i parrocchiani e per tutto il quartiere, che nasce dalla proposta di una parrocchiana - commenta ad ACI Stampa Don Romano De Angelis parroco di San Luca Evangelista - Le cose sono andate così: Lia Lepri grintosa sindacalista della CGIL ormai in pensione ma con la grinta e il coraggio di una ragazza è una persona con cui è nata una grande amicizia che l’ha riportata anche ad una vita spirituale. Conoscendo il servizio della caritas mi ha proposto di collaborare. Ne è nata questa bella iniziativa che in un periodo particolarmente difficile per tante persone, si propone di ampliare le possibilità di aiuto alle persone in difficoltà attraverso la vera carità che non è semplice assistenzialismo ma promozione umana e servizio alla dignità della persona".

Spazio per te aiuterà chiunque ne avesse bisogno nelle procedure per fare richiesta ed ottenere gli aiuti. "Si trattava quindi di stabilire una sinergia lavorando insieme anche se da competenze diverse, per il bene delle persone. È quanto prevede il principio di sussidiarietà di cui si parla anche nel Catechismo della Chiesa Cattolica per poter collaborare secondo le rispettive competenze nel rispetto di tutti e facendo comunione nell’interesse di fare del bene al prossimo", sottolinea ancora Don Romano.

"Il progetto era davvero interessante e abbiamo voluto svilupparlo ponendo solide fondamenta quindi non solo sulla buona volontà o sull’entusiasmo di alcune persone di buona volontà ma mettendo in gioco e facendo dialogare le istituzioni che noi rappresentiamo per mettere solide fondamenta e stabilire una collaborazione leale e duratura per fare davvero qualcosa di bello. Dunque la Parrocchia di San Luca come espressione del Progetto “Quartieri Solidali” della Caritas diocesana di Roma e le pensionate attive del 5° Municipio come espressione delle tre sigle sindacali che loro rappresentano", spiega ancora il parroco.

 

Ti potrebbe interessare