Rosario in onore di San Giuseppe. Ecco come fare e perchè

Come per la Vergine Maria, i cattolici possono pregare il Santo Rosario a San Giuseppe per meditare sulla vita di Gesù sotto lo sguardo paterno del Santo Custode

La statua di San Giuseppe nello studio di Papa Francesco
Foto: pd
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Come per la Vergine Maria, i cattolici possono pregare il Santo Rosario a San Giuseppe per meditare sulla vita di Gesù sotto lo sguardo paterno del Santo Custode, chiedere la sua intercessione e affidarsi alla protezione del patrono della Chiesa universale.

A spiegarci come è un articolo su ACI Prensa. San Giuseppe è descritto come "giusto" nelle Sacre Scritture ed è considerato dai santi nel corso della storia come un potente intercessore davanti a suo figlio Gesù.
Ci sono diverse preghiere con cui i fedeli esprimono la loro profonda devozione, tra cui la Coroncina o il Santo Rosario a San Giuseppe.
La devozione al Rosario a San Giuseppe iniziò nel 1871, quando attraverso il Breve Inclytum Patriarcham, Papa Pio IX proclamò di promuovere la devozione al Padre adottivo di Cristo come santo cattolico e incoraggiò il popolo a venire a lui con pietà e "fiducia sconfinata".
Il Beato Pio IX dichiarò San Giuseppe patrono della Chiesa universale 150 anni fa. Per commemorare questa data, Papa Francesco ha pubblicato la Lettera Apostolica Patris Corde e ha dichiarato l'Anno di San Giuseppe dall'8 dicembre 2020 all'8 dicembre 2021.

Il Rosario a San Giuseppe ci porta "a ricordare la vita di Giuseppe, fedele sposo di nostra Madre Maria e uomo di coraggio che ha assunto perfettamente la protezione di Gesù nelle sue fasi infantili, oltre ad essere il più fedele seguace di un Cristo che ha riconosciuto come suo Signore e figlio di Dio". ha designato l'arcidiocesi di Milwaukee, Wisconsin, Stati Uniti.

I fedeli spesso recitano questa preghiera speciale per chiedere l'intercessione del Patriarca della Sacra Famiglia quando si trovano di fronte a situazioni difficili o apparentemente impossibili.

Il Rosario a San Giuseppe è di solito recitato sotto forma di un settenario, che sono cinque o sette gruppi di sette perline viola, dove ogni gruppo rappresenta un mistero e sono separati l'uno dall'altro da un tallone bianco dove viene annunciato il mistero. Il colore viola simboleggia la pietà di San Giuseppe e il bianco la sua castità e purezza. Invece della croce, di solito porta la medaglia di San Giuseppe.

Nel caso in cui questo particolare rosario non sia disponibile, è possibile utilizzare il tradizionale rosario mariano di cinque misteri e dieci perline. Si dovrebbe solo sostituire l'"Ave Maria" con il "Dio ti salvi Giuseppe"
Ecco i sette Misteri di San Giuseppe: 1. L'Annunciazione a San Giuseppe (Matteo 1,18-21). 2. La nascita di Gesù (Matteo 2:1-12; Luca 2:1-20). 3. Circoncisione e attribuzione del nome di Gesù (Luca 2:21, Matteo 1:20-21). 4. La presentazione al Tempio (Luca 2:22-38). 5. La fuga in Egitto (Matteo 2:13-15). 6. Il ritorno a Nazaret (Mt 2,23). 7. Il bambino Gesù perse e fu ritrovato nel Tempio (Luca 2:44-46).

"Ricordati, o castissimo marito della Vergine Maria, San Giuseppe, mio gentile protettore, che non fu mai sentito dire che nessuno di coloro che invocavano la tua protezione e imploravano il tuo aiuto sarebbero stati lasciati senza consolazione. Pieno di fiducia, mi trovo davanti a voi e mi affido con fervore al vostro patrocinio. Non trascurare le mie preghiere, o padre adottivo del Redentore, ma ascoltale e accettale. Amen."

Ti potrebbe interessare