Sant'Alessio Falconieri: fondatore e servo di Maria

Diede vita all'ordine servita nel corso del tredicesimo secolo

Sant'Alessio Falconieri
Foto: pubblico dominio
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 17 febbraio 1310 spirava, sul Monte Senario, Sant'Alessio Falconieri. La tradizione insegna che al momento della morte, il religioso avesse circa centodieci anni: tutti spesi per la Madonna e per il prossimo.

Il nome del religioso è legato alla fondazione dell'Ordine dei Servi di Maria che, con amore e dedizione, dedicarono le loro vite alla Vergine. Bonagiunta dei Manetti, Buonfiglio dei Monaldi, Amideo degli Amidei, Manetto dell'Antella, Uguccione degli Uguccioni, Sostegno dei Sostegni, ed infine il Falconieri sono i nomi dei fondatori dell'Ordine.

Il 15 agosto del 1233 la piccola comunità si riunì per dare vita ad un'esperienza, più unica che rara, creando una comunità di preghiera, interamente, dedicata alla Vergine Maria.

Il venerdì santo del 1240, la Madre del Cristo, secondo la tradizione servita, apparve ai sette donandogli l'abito dal colore grigio scuro, poi mutato in nero, in segno di lutto, simbolo dell'Addolorata.

Da quel momento, dopo un breve intermezzo presso Santa Maria di Cafaggio, il piccolo nucleo si ritirerà sul Monte Senario, eremo donato dal vescovo Ardingo che stimava la nuova forma di vita.
Dunque, il nome del santo è fortemente legato alla vita di questa famiglia religiosa che sulla devozione a Maria ha fondato la propria spiritualità

Alessio Falconieri nasce a Firenze, nel 1200, da una famiglia di ricchi mercanti. Per un po' di tempo, il giovane segue le orme del padre Bernardo, dedicandosi alle attività commerciali.

Accanto al lavoro, si unisce alla Compagnia della Santa Vergine, una confraternita di laici dediti alla cura dei bisognosi ed alla preghiera.

Uomo di profonda ascesi e silenzio, fin da giovane, fu un esempio di fedeltà ed amore al vangelo.
Divenuto servo di Maria fu un religioso umile e silenzioso.

Per la grande umiltà che sempre lo contraddistinse, non volle ascendere al sacerdozio, desiderando rimanere semplice religioso professo.

Si occupò della questua, con la quale manteneva la piccola aggregazione, i poveri e gli studenti dell'Ordine, inviati a studiare all'Università.

In questi primi anni della vita comunitaria, si gettarono le fondamenta di quella spiritualità che, partendo dalla lode a Maria, si contraddistingue per il servizio alla Chiesa ed agli uomini.

I Sette vivevano in semplicità e grande preghiera, visitati dai molti che salivano al Senario per ricevere una parola, un consiglio e quella consolazione che dà la misura della santità dell'Ordine mariano.

Il santo, fratello del padre di Santa Giuliana Falconieri, terziaria servita, ne seguirà l'anima nella vita religiosa, indirizzandola in quella della santità.

Leone XIII, il 15 gennaio 1888, canonizzò i Sette Santi fondatori, donando al mondo quella testimonianza di vita che dal Senario ha illuminato i molti che si sono messi alla sequela della Vergine Maria.

Ti potrebbe interessare