Scompare un apostolo dei media in Vaticano, è morto Pierfranco Pastore

Monsignor Pierfranco Pastore in una foto recente
Foto: corrierediborgomanero.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ scomparso uno dei testimoni dell’ epoca in cui nacque la comunicazione vaticana moderna, Monsignor Pierfranco Pastore, storico segretario del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni sociali è morto all'eta' di 88 anni. Da anni viveva a Casa Assistenti, una residenza gestita dall’ Azione Cattolica. Questa mattina don Pierfranco non e' sceso a colazione e sono andati a cercarlo, trovandolo morto nella sua stanza.

La sua è stata una presenza significativa per i media vaticani. Tra le altre cose era stato ideatore e redattore capo del programma "4 voci" della Radio Vaticana, un programma informativo in quattro lingue nato per il Giubileo del 1975. Alla Rai era consulente dei programmi religiosi e dal 3 giugno 1976 Paolo VI lo volle alla Sala Stampa della Santa Sede al fianco di padre Romeo Panciroli, all’epoca direttore della Sala Stampa della Sanata Sede.

Era figlio del sindacalista Giulio Pastore, fondatore e primo segretario della Cisl, ma la passione sindacale non lo aveva coinvolto , mentre in famiglia la via dei media era stata seguito anche dal fratello Sergio, storco conduttore del TG2.

Sacerdote dal 1950 per la sua diocesi di Novara, era nato il 21 aprile del 1927. Fu Giovanni Paolo II ad ordinarlo vescovo nel 1994. Da dieci anni era al Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali come segretario e si era occupato di molti documenti fondamentali per il magistero sui media: "Pornografia e violenza nei mezzi di comunicazione: una risposta pastorale" del 1989; "Criteri di collaborazione ecumenica ed interreligiosa nel campo delle comunicazioni sociali" del 1989; l'Istruzione Pastorale "Aetatis Novae" sulle Comunicazioni Sociali del 1992, e cinque anni dopo, nel 1997, "Etica nella pubblicita'" .

Dal 2003 aveva lasciato ogni attività pubblica, ma proseguiva con passione il suo lavoro per i media. Amico personale di molti giornalisti era amato dai colleghi come dai confratelli con i quali viveva a Casa Assistenti, la residenza dove vive anche il segretario generale della Cei Nunzio Galantino.

I funerali si svolgeranno martedi mattina alle 8.00 nella Cappella Gesù Sommo Eterno Sacerdote
della Casa Assistenti CEI in Via Francesco Marchetti Selvaggiani 22 – 00165 ROMA

 

Ti potrebbe interessare