Sei consigli pratici per vivere bene la Quaresima

La Quaresima, che quest'anno inizia il 2 marzo, è un tempo liturgico di conversione in cui ogni cristiano si prepara spiritualmente a vivere la Settimana Santa. Ecco sei consigli

Come vivere la Quaresima? Immagine di riferimento
Foto: Credit: Fa Barboza / Unsplash
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Durante questo tempo speciale di purificazione, i cattolici si pentono dei nostri peccati e si impegnano a cambiare qualcosa di noi stessi per vivere sempre più vicino a Cristo. Shaun McAfee, un laico domenicano con un Master in Teologia Dogmatica e autore di diversi libri che aiutano la formazione spirituale dei cattolici, ha offerto sei consigli pratici sul National Catholic Register per aiutare a vivere bene questa Quaresima.

Trova qualcosa a cui rinunciare. La Quaresima è il nostro tempo speciale di penitenza. Si tratta di sacrificio, dirigere la nostra attenzione e devozione per onorare Cristo, che volontariamente si è sacrificato per il nostro bene. Un modo per farlo è trovare qualcosa a cui rinunciare. Non deve essere troppo austero, né deve essere unico per quest'anno, può essere qualcosa di semplice, anche qualcosa a cui hai rinunciato ogni Quaresima in passato. Una buona regola di misura è quella di rinunciare a qualcosa da cui dipendi, come un desiderio, un atto abituale o qualcosa che ti renda più facile fare qualcosa. Ricorda solo che non si tratta di rinunciare a qualcosa che è già peccaminoso, perché il peccato è qualcosa a cui devi rinunciare per sempre. Alcuni esempi potrebbero essere rinunciare a usare il cuscino; disattivare l'opzione che consente di ripetere l'allarme del telefono cellulare, in modo che ti costringa ad alzarti al primo timbro invece di continuare a dormire; smettere di consumare qualsiasi tipo di alcol o cioccolato; o rinunciare ai bagni caldi.

Esegui un'azione o una devozione specifica. Oltre ai piccoli atti di rinuncia molti cattolici scelgono anche di commettere e compiere un atto specifico o devozione. Ad esempio, fare l'elemosina, fare volontariato, dedicare tempo all'adorazione eucaristica, praticare la devozione al Rosario o pregare la coroncina della Divina Misericordia sono pratiche comuni e incoraggianti altamente raccomandate. In conclusione, sii devoto e aperto a svolgere un'opera di misericordia corporale o spirituale durante la Quaresima.

Fai un pellegrinaggio, se possibile. Ci sono numerosi luoghi di pellegrinaggio cattolici nei cinque continenti, tuttavia, a causa delle restrizioni di viaggio che esistono in diversi paesi a causa della pandemia, è consigliabile cercare mete di pellegrinaggio nella località in cui si risiede. È importante ricordare che a causa della pandemia di COVID-19, molti pellegrinaggi sono stati sospesi e alcuni paesi sono ancora sotto misure di isolamento sociale e, pertanto, i fedeli non possono visitare i templi o non possono svolgere determinate attività turistiche. Pertanto, è importante prendere questo consiglio con la dovuta prudenza e in base al contesto.

Pianifica in anticipo. Pianifica in anticipo tutte le attività che si svolgeranno durante questo periodo, in modo da poter partecipare alle Messe di precetto o eseguire il digiuno e l'astinenza necessari durante la Settimana Santa. Ad esempio, non programmare quella serata di hamburger e birra a casa il venerdì di Quaresima. Ricorda che quel giorno sei obbligato ad astenerti dal consumare carni, quindi pensaci due volte prima di organizzare una cena in un ristorante specializzato in carni e grigliate o confermare la tua partecipazione a un incontro simile.

Esegui la Via Crucis. La Via Crucis rimane un rito importante per riflettere sulla Passione e sul sacrificio sulla Croce di Nostro Signore, specialmente durante la Quaresima. Questa attività richiede anche una pianificazione anticipata, ma è anche importante gestire le tue aspettative. Forse il giorno in cui hai pianificato la Via Crucis vuoi guardare la partita di calcio che inizia alle 18 o forse solo il capitolo delle anteprime della tua serie preferita; tuttavia, dovrai fare sacrifici per dedicare tempo alla preghiera. Se hai intenzione di fare la Via Crucis ogni venerdì di Quaresima, dì alla tua famiglia di aiutarti a chiarire anche i loro orari.

Concentrati su ciò che è importante. A Pasqua, le offerte di mangiare pesce in molte località di solito aumentano. Mentre il cibo è sempre una grande opportunità di amicizia, e anche l'idea di andare in questi ristoranti potrebbe aiutare i piccoli commercianti locali o iniziative di raccolta fondi per qualche causa caritatevole, è importante essere prudenti. Ricordate che la Quaresima è un tempo di penitenza e mangiare pesce è una commemorazione del contesto sacrificale di questo tempo liturgico. Non ingozzarti ad una festa come un ghiottone. Siate solenni, sacrificatevi e siate penitenziali. Siate certi che vivrete e sarete più felici questa volta se tutto sarà sincronizzato con ciò che la nostra Chiesa ci invita a vivere. Solo se possibile, si consiglia vivamente di andare alla Messa quotidiana, pregare il Rosario quotidiano con i propri figli, venerare le reliquie e l'iconografia cattolica presenti nella propria località, guardare meno televisione, trascorrere meno tempo sui social network o davanti allo schermo del cellulare, e trascorrere più tempo in famiglia e fare la preghiera quotidiana con il coniuge.

Ti potrebbe interessare