Sinodo, la riflessione di Ioannis Spiteris: obbedire a Dio significa amare

L'arcivescovo di Corfù, Zante e Cefalonia Ioannis Spiteris
Foto: @cc
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Gli occhi di Dio guardano al cuore, questa la riflessione centrale della omelia che il cappuccino  Ioannis Spiteris, Arcivescovo di Corfù, Zante e Cefalonia in Grecia, ha proposto ai padri sinodali nelle preghiera della mattina. 

Il commento parte dal testo del libro di Samuele “Il Signore gradisce forse gli olocausti e i sacrifìci quanto l'obbedienza alla voce del Signore? Ecco, obbedire è meglio del sacrificio, essere docili è meglio del grasso degli arieti”.

Qual è la vera obbedienza al Signore? L’Autore sacro, ha detto Spiteris, “fa capire che Dio apprezza una cosa più dell’altra, ossia gli occhi Suoi non posano sull’apparenza, ma guardano il cuore.”

E per questo la santità è mettere in “pratica il suo comandamento per eccellenza che è l'amore vicendevole. Può essere anzi un fatale inganno quello di volere ad ogni costo imporsi sacrifici esorbitanti, non tanto per rendere più serena e buona la vita propria e altrui, quanto per sembrare più bravi, più santi degli altri e - come il fariseo della parabola - vantarsi dei propri meriti e disprezzare l’altro considerato pubblicano, peccatore. Il fariseismo (quello imperante ai tempi di Gesù) è sempre pronto a riaffiorare là dove non c'è sufficiente ascolto della Parola da accogliere con gioia e mettere in pratica.”

Comunione con Dio e non salvezza nella nostre opere buone “facendo tacere la voce del Signore che ci invita all’amorosa comunione con lui” quindi come preghiera per tutti i credenti perchè ognuno “possa affidarsi a Lui che tutto può e che tiene continuamente aperte le braccia per accoglierci.”

Ti potrebbe interessare