Sono cieca, ma sono forte in Cristo che mi fortifica!

La storia di Amale Chaaya è una scrittrice cristiana libanese, cieca ma forte nella sua fede.

Amale Chaaya
Foto: ACI MENA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Chaaya è entrata a far parte della missione di ACI MENA quasi un anno fa e ha deciso di scrivere storie di santi che le hanno dato il coraggio di continuare una vita che non si aspettava. Ecco la sua storia; Mi chiamo Amale Chaaya, scrittrice e ricercatrice. Ho scritto due libri: "Occhi nel colore del tramonto" e "I fiori impossibili". Fondatarice del gruppo "Dream of Tomorrow" e "Al-Sarraj Choir", alla vigilia della discussione della tesi di dottorato in lingua e letteratura araba alla Saint Joseph University.

"Oggi ho deciso di condividere con i lettori la mia esperienza di vita e le sfide che ha portato, sottolineando che la volontà di Vita è più forte della volontà di morte. La mano di Dio è con me tutto il tempo la mano di Dio mi ha abbracciato forte sin dai miei primi momenti in questa vasta esistenza.

Mia madre un giorno mi ha detto che mentre avevo quaranta giorni soffrivo di un problema di salute che mi ha quasi tolto la vita, ma poi mio nonno ha chiesto alla mia famiglia di farmi battezzare, e così è successo. Mia madre mi racconta la storia, dicendo che la mia salute è gradualmente guarita dopo aver ricevuto la grazia dello Spirito Santo. Quando ero ancora un bambina, mentre giocavo nei campi, raccogliendo fiori in un bouquet e giocando con le formiche, ho respirato la bellezza del Creatore senza ancora raggiungere il suo profondo segreto.

Quando i frammenti della dolorosa guerra ci hanno sradicato dal nostro villaggio, ci hanno gettato nel seno della città che ci era estranea, e con essa i concetti della vita hanno cominciato a trasformarsi e complicarsi davanti a me. Nonostante tutto, la mano di Dio non mi ha mai lasciato, ma invece mi ha tenuto per mano e mi ha condotto nelle profondità dell'ignoto senza paura. Imprigionato dietro le sbarre dell'oscurità nella mia adolescenza, mentre mi sforzavo nella vita, tra scuola e lavoro, mentre disegnavo i miei sogni bianchi, è successo quello che non mi sarei mai aspettato! Come mi chiese allora il medico per una radiografia della retina dell'occhio, e risultò che soffrivo di retinite pigmentosa, che è una malattia genetica che colpisce l'occhio e provoca una graduale perdita della vista, fino alla totale cecità.

Mi sono rifiutata di credere a quello che mi stava succedendo e ho deciso di fare uno sciopero dei discorsi e del cibo, e sono sprofondato in un mondo di depressione. La paura attanagliava il cuore della mia famiglia e mia madre non poteva fare a meno di piangere ogni volta che vedeva peggiorare le mie condizioni. Davanti a questa scena, ho fissato un'immagine di Gesù crocifisso nella mia stanza e ho cominciato ad ammonirlo e ad accusarlo di non amarmi perché mi ha permesso di essere imprigionato dietro le sbarre delle tenebre.

Nel tempo, la dialettica dell'assurdo e dell'esistenza mi ha portato a studiare la teologia, a scoprire il segreto di Dio, a cercare la sua volontà nella mia vita ea comprendere il senso del dolore, cioè la croce. Quando ho iniziato i miei studi all'Istituto, ho incontrato il compianto padre Daoud Kawkabani, anche lui cieco e la perdita della vista non gli ha impedito di completare la sua carriera e la sua meravigliosa testimonianza. Ho trovato le risposte che cercavo da tempo nel rapporto profondo che avevo costruito con il Signore. Mi sono immersa nella contemplazione della Bibbia e della sofferenza di Gesù crocifisso. Poi ho meditato sui miracoli che Gesù ha compiuto. Due parole hanno attirato la mia attenzione: "La tua fede ti ha salvato". Ho capito che la fede salva e che la nostra salvezza eterna è più importante della guarigione fisica. La debolezza non è un segno di fallimento così, ho acquisito fiducia che la debolezza non è un segno di rifrazione. Poi mi sono iscritto alla Scuola Libanese per Ciechi e Sordi e lì ho continuato i miei studi. Ho anche raggiunto molti traguardi nella mia vita, ed eccomi qui oggi alle porte della discussione della mia tesi di laurea in arabo e la sua letteratura. E ho raccolto tutto questo grazie alla mia ferma convinzione che la voglia di vivere è più forte della voglia di morire.

La mia testimonianza è un canto di ringraziamento Ringrazio Dio quando respiro di nuovo ogni mattina, e so che questa è la mia occasione per diffondere sempre di più la fragranza di Cristo intorno a me dicendo la verità e non avendo paura dell'ignoto. Lo ringrazio anche per la Vergine Maria, che mi abbraccia; ogni volta che mi manca mia madre, vedo il suo viso attraverso di lei. Gesù mi sorride e mi incoraggia ad armarmi della parola del Signore perché io possa comprendere il segreto della sua morte e del suo passaggio alla vita eterna.

Poi ringrazio il mio Dio per “Simone di Cirene” che è presente con me attraverso ogni persona che mi aiuta a portare la mia croce e mi dà amore, sostegno e aiuto... Sì, sono cieca, ma sono orgoglioso della mia spine e ripeto costantemente con l'apostolo Paolo: "Ogni cosa posso in Cristo che mi fortifica" (Filippesi 4:13), e attesto anche che la vita sanguina determinazione, forza e amore per la sopravvivenza dalla cima della croce.

Ti potrebbe interessare