Stazioni quaresimali, la basilica di Santa Maria in Domnica alla navicella

La chiesa famosa per la fontana della "navicella" di epoca romana che oggi è una fontana

L'interno della basilica
Foto: www.santamariaindomnica.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Seconda domenica di Quaresima si arriva a Santa Maria in Domnica. Una stazione inserita tardi nel cammino stazionale solo nel IX-X secolo per ricordare una abitudine che vuole che in questa domenica, un tempo, non si celebrasse la stazione poiché i fedeli erano stanchi della lunga veglia, del digiuno, e delle funzioni solenni celebrate in San Pietro il sabato precedente.

S. Maria in Domnica dal VI e VII  era sede dell'Arcidiacono cioè di colui reggeva l'amministrazione finanziaria e caritativa nella diocesi di Roma. E proprio qui averebbe avuto la sua base San Lorenzo.

Santa Maria in Domnica diventa per volere del Papa Pasquale I di nuovo diaconia nel IX e le diede l'attuale forma che ancora oggi è ammirata, anche perchè nel XVI secolo quando fu rinnovata da Leone X fu lasciata intatta come per gli ultimi restauri del secolo scorso. 

All'interno l’occhio viene colpito dal mosaico carolingio sull'abside e sull'arco trionfale che risale al IX secolo. Magnifica la figura del Maestro circondato dagli  angeli e dagli apostoli, mentre più in basso viene glorificata Maria con il Papa che le bacia il piede.

In questo tempio sul colle Celio, Perin del Vaga ha dipinto fiori e frutti nei fregi che circondano la navata centrale e che aiutano a disporre lo spirito ad una più serena meditazione. Dal 2003 è affidata Fraternità Sacerdotale dei Missionari di S. Carlo Borromeo. 

Da poco il cardinale titolare della chiesa è Marcello Semeraro Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi. 

Domani, lunedì primo marzo, l’appuntamento è a San Clemente al Colosseo per la liturgia stazionale alle 18.30. 

Ti potrebbe interessare