La nona di Beethoven in un campo profughi di Amburgo: è "Un bacio per il mondo"

Locandina Concerto
Foto: Ufficio Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un progetto musicale solidale, per far risuonare attraverso la musica le parole “integrazione”, “tolleranza”, “non violenza”: questo il senso del progetto "Un Bacio per il Mondo", che porterà il messaggio della Nona Sinfonia di Beethoven all’interno di un campo per i rifugiati ad Amburgo (Germania) in occasione di un esclusivo concerto che si svolgerà una sola volta.

Il direttore d’orchestra e fondatore del progetto, Iñigo Pirfano, dirigerà l’Orchestra Sinfonica di Amburgo. Gli spettatori saranno oltre 400 persone costrette a fuggire dalla guerra e che ora vivono in uno dei campi gestiti nell’area metropolitana circostante la città tedesca dall’organismo dell’Ordine di Malta, Malteser Deutschland. Il concerto di svolgerà in uno dei campi gestiti dall’Ordine di Malta nei pressi di Amburgo.

ll quartetto solista è composto da alcune delle voci soliste europee più popolari del momento, fra i quali gli spagnoli Ainhoa Arteta (soprano) e Mª Jose Montiel (mezzo soprano), Albert Montserrat (tenore) e il cantante greco (residente in Germania) Aris Argiris (baritono).

La Nona Sinfonia di Beethoven sarà conosciuta anche dalle persone più vulnerabili. L’intento è di rendere questo Patrimonio dell’Umanità – come è stato dichiarato ufficialmente dall’UNESCO nel 2003 – una gioia nel vero senso della parola.

Nelle parole del Maestro Pirfano, "l’esecuzione della Nona Sinfonia di Beethoven in un campo per i rifugiati in Germania rappresenta un’autentica festa di integrazione, fratellanza e dialogo. Un atto di comunione fra culture che sta a dimostrarci che l’unico modo efficace per vincere la violenza è con le armi della tolleranza, dignità e della bellezza”.

Il quarto movimento della Nona Sinfonia di Beethoven, oltre ad essere l’Inno alla Gioia, è anche l’Inno dell’Europa. Questi due elementi rendono unico e storico questo concerto, date le circostanze in cui si trova l’Europa e la "crisi migratoria " che sta vivendo il Continente in questo momento.

Sponsorizzato dal Malteser International, l’agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta, il concerto conta anche sul sostegno del NH Hotel Group, Obra Social 'La Caixa', e anche dell’Orchestra Sinfonica di Amburgo, unitamente al coro Carl Philipp Emanuel Bach.

Vi sono uomini, donne e bambini che, afflitti da necessità impellenti dalle quali dipendono, in molti casi, le loro stesse vite, non hanno mai avuto accesso alla bellezza e al profondo contenuto spirituale della musica di altissimo livello. “Un Bacio per il Mondo” è un progetto il cui scopo è di far giungere ai più poveri del pianeta il messaggio senza tempo della grande opera di Beethoven.

Ti potrebbe interessare