Unioni civili, Bagnasco auspica il voto segreto

Il Cardinale Angelo Bagnasco
Foto: MM Acistampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Presidente della Cei, Cardinale Angelo Bagnasco, interviene sull’iter del disegno di legge Cirinnà che punta alla regolamentazione delle unioni civili, attualmente all’esame dell’Aula del Senato.

"Ci auguriamo tutti – ha spiegato il porporato – che il dibattito in Parlamento e nelle varie sedi istituzionali sia ampiamente democratico e tutti possano esprimersi ed essere considerate le loro obiezioni e che la libertà di coscienza di ciascuno su temi così delicati e fondamentali per la vita della società e delle persone sia non solo rispettata ma anche promossa con con una votazione a scrutinio segreto".

In Senato sono molte le richieste – specialmente dai gruppi parlamentari di opposizione – che chiedono che sui punti più discussi del provvedimento, a partire dalla stepchild adoption, si possa votare a scrutinio segreto anziché palese. A decidere sarà di volta in volta il presidente del Senato Pietro Grasso.

Ti potrebbe interessare