Venezia celebra la Madonna della Salute pensando ai martiri, ecco il programma

Venezia in Rosso per la festa della Madonna della Salute
Foto: ACS
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ la festa della Madonna della Salute che coinvolge il pellegrinaggio diocesano dei giovani con il Patriarca e la testimonianza del vescovo copto cattolico di Mynia in Egitto l’appuntamento più significativo di Venezia. Al termine del pellegrinaggio, domani 20 novembre in collaborazione con “Aiuto alla Chiesa che soffre”, luoghi significativi della città saranno “colorati” di rosso. Poi  mercoledì 21 novembre, alle ore 10.00, la Messa solenne nella basilica del Longhena presieduta dal Patriarca concluderà le celebrazioni. Numerose le occasioni di pellegrinaggio a Venezia e a Mestre nel santuario appena riaperto e nella chiesa di Catene.

Il pellegrinaggio si è aperto il 16 novembre con la  benedizione del ponte votivo sul Canal Grande.  La tradizionale festa veneziana risale a quasi quattro secoli fa, nel 1630, quando la Repubblica Serenissima fece voto di erigere una nuova chiesa intitolata a “S. Maria della Salute” e affidata per la costruzione al Longhena a conclusione della terribile pestilenza che minacciava di distruggere la città lagunare.

Il Patriarca Francesco Moraglia presiederà la messa solenne di mercoledì 21 novembre, alle ore 10.00, nella Basilica della Salute a Venezia e guiderà, inoltre, il pellegrinaggio diocesano dei giovani in programma la sera della vigilia martedì 20 novembre, a partire dalle ore 18.15 con ritrovo in Piazza San Marco per incamminarsi poi verso la basilica della Salute. E proprio l’appuntamento della sera del 20 novembre rappresenterà l’elemento di particolare novità per la festa della Salute di quest’anno.  

L'edizione 2018 del pellegrinaggio dei giovani alla Madonna della Salute avrà per titolo “Maria, donna forte nella fede” e sarà contraddistinto da un’attenzione specifica alla testimonianza, al martirio dei cristiani perseguitati per la propria fede in molte parti del mondo.

 “Si tratta - spiega don Francesco Marchesi, incaricato per la Pastorale giovanile diocesana - di un interesse non solo animato dal desiderio di assecondare una doverosa sensibilizzazione su questo tema ma soprattutto motivato dal fatto di interrogarsi su cosa muova tanti fratelli e tante sorelle a vivere fino in fondo la loro appartenenza a Cristo con la fede semplice e certa della Madonna. Il Santo Padre, non a caso, ci invita a scorgere nella testimonianza di tanti fratelli e tante sorelle perseguitati per il proprio amore a Gesù i tratti della santità che «è il volto più bello della Chiesa».  

Il ritrovo è fissato per tutti in Piazza S. Marco alle ore 18.15 di martedì 20 novembre, ci saranno la riflessione del Patriarca Francesco Moraglia e la testimonianza di mons.  Botros Fahim Awad Hanna, vescovo copto cattolico della diocesi di Mynia in Egitto. Sarà presente anche un coro di giovani della comunità copta ortodossa veneziana che intonerà un canto mariano.

 In coincidenza con la parte finale del pellegrinaggio, grazie alla collaborazione stabilita con il Comune di Venezia, la stessa basilica veneziana della Salute ed altri luoghi simbolo della città saranno illuminati e “colorati” di rosso in ricordo e memoria dei cristiani martiri e perseguitati nel mondo. Gli edifici interessati da tale evento saranno, oltre alla Salute, i seguenti: Ponte di Rialto, Ca’ Farsetti sede del Comune, Ca’ Pesaro, Ca’ Rezzonico e Palazzo Contarini del Bovolo a Venezia nonché, in terraferma, la Torre dell’Orologio, il Municipio e la Biblioteca Vez in centro a Mestre. 

Mercoledì 21 novembre - giornata della festa liturgica della Madonna della Salute - alle ore 10.00 si terrà nella basilica veneziana della Salute l’appuntamento religioso più importante. La solenne concelebrazione sarà  eucaristica presieduta dal Patriarca mons. Francesco Moraglia.

 In questi giorni è stato riaperto il Santuario diocesano della Madonna della Salute a Mestre.  Il rettore monsignor Bernardi ha detto: “Siamo lieti di ridonare alla città di Mestre questo Santuario mariano che è luogo di devozione e di fede vissuta” ricordando l’impegno dei lavori. Martedì 20 novembre il Santuario è aperto ininterrottamente dalle 8.00 alle 18.00 e si terranno due celebrazioni eucaristiche. Ma l’inaugurazione ufficiale del Santuario l’appuntamento rimane poi confermato per domenica 9 dicembre, alle ore 10.30, alla presenza del Patriarca Francesco Moraglia che, a seguire, alle ore 11.00 presiederà la S. Messa della seconda domenica di Avvento.

 Nel frattempo, prosegue in questi giorni la mostra intitolata “La Madonna della Salute a Mestre: storia, arte e devozione. Da Oratorio dei Battuti a Santuario diocesano” ed allestita in due sedi: quella in Galleria S. Lorenzo, sul fianco destro del Duomo di S. Lorenzo, riguarda la storia del luogo di culto e l’illustrazione dei lavori e resterà aperta fino a domenica 18 novembre; quella preparata al Teatro Mabilia dell’Antica Scuola dei Battuti in via Spalti consente invece di visionare l’originale di bozzetti e schizzi preparatori del ciclo pittorico poi realizzato in chiesa da Ernani Costantini e sarà visitabile fino a domenica 9 dicembre.

 I giovani saranno al centro dell’attenzione e soprattutto della preghiera che si eleverà nei prossimi giorni dalla chiesa parrocchiale di Catene, intitolata, appunto, alla Madonna della Salute, che, come da tradizione, ogni anno per la festa propone un particolare tema che sia oggetto di riflessione e di preghiera. Mercoledì 21 novembre le Messe saranno celebrate alle ore 8.00 - 9.30 - 11.00 - 17.00 - 19.00 (celebrazione solenne vicariale presieduta dall’arcivescovo mons. Fabio Dal Cin, delegato pontificio per il santuario della Santa Casa di Loreto e per la basilica di Sant'Antonio in Padova); alla S. Messa delle 11 saranno imposte le mani ai malati da parte dei sacerdoti (presenti le sottosezioni Unitalsi Aziendale e Venezia) e al termine, nella tensostruttura riscaldata (realizzata per l’occasione) verrà offerto il pranzo a circa 170 disabili e malati e ospiti di varie comunità di assistenza.

Particolarmente venerata, nella basilica della Salute, è l’icona bizantina della Madonna detta Mesopanditissa davanti alla quale, ogni anno, la comunità ecclesiale e civile di Venezia rinnova il suo “voto” di riconoscenza e gratitudine per la liberazione dalla peste.  

Ti potrebbe interessare