Vietnam, un nuovo seminario dedicato al Sacro Cuore

Nella diocesi di Thai Binh, stanno allargando il vecchio edificio per far fronte al numero dei seminaristi

La cattedrale della diocesi di Thai Binh, in Vietnam
Foto: Wikimedia Commons
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Forse non è del tutto primavera, ma poco ci manca. In Vietnam, nella diocesi di Thai Binh, è da tempo in costruzione un nuovo seminario maggiore, dedicato al Sacro Cuore, che è in realtà l’allargamento di quello pre-esistente che fu autorizzato dal Partito Comunista negli Anni Settanta. Il 7 settembre erano in centinaia alle celebrazioni in occasione dell’inizio dell’anno scolastico. È il segno di una comunità cattolica viva, nonostante tutto.

Il Vietnam, infatti, non ha piene relazioni diplomatiche con la Santa Sede, anche se una serie di tavoli di lavoro congiunti hanno portato ad una distensione che ha consentito alla Santa Sede di avere un proprio rappresentante, sebbene non residente, nel Paese e che si spera porterà alle piene relazioni diplomatiche.

La comunità cattolica è tuttavia molto viva e presente, nonostante le scorie di un periodo di grande persecuzione. Ed è in questo contesto che si sviluppa il progetto per la costruzione di un enorme seminario maggiore nella diocesi di Thai Binh, per rispondere al boom di richieste per la formazione sacerdotale.

La costruzione dell’enorme seminario maggiore è cominciata lo scorso 1 gennaio, quando il vescovo Peter Nguyen Van De ha presieduto la cerimonia di posa della prima pietra insieme a centinaia di persone e benefattori.

Proprio in quell’occasione, il vescovo aveva spiegato che il nuovo edificio era urgente perché doveva rimpiazzare il vecchio edificio, che era in cattive condizioni e che non aveva abbastanza spazio per 183 studenti.

Così, dal 2017, metà dei seminaristi hanno studiato nel vecchio seminario, mentre gli altri hanno studiato nella Curia Episcopale, con diverse difficoltà per studenti e insegnanti.

Per la costruzione, il vescovo ha chiesto alle famiglie di donare almeno 50 mila dong (circa 15 euro) al mese, sottolineando l’importanza della formazione sacerdotale.

Il vecchio seminario è stato demolito nel novembre 2019, mentre il nuovo seminario includerà una cappella, una biblioteca e sale conferenze. Occupa circa 17 mila metri quadri di terreno, ed è circondato da piante, laghi e campi sportivi.

Il vecchio seminario era stato costruito nel 1937, un anno dopo la fondazione della diocesi, ed era stato chiuso diverse volte a causa delle guerre e della fame. Fu solo nel 1972 che il governo comunista consentì al vescovo Dominic Mary Dinh Duc Tru di fare un corso per nove seminaristi e sei preti nel seminario. Questi si laurearono nel 1977.

Ma dal 1977 al 2008 non ci furono nuovi corsi. In quell’anno, il vescovo Francis Xavier Ngueyn Van Sang ebbe finamente i permessi del governo per riaprire il seminario e offrire un corso di tre anni a 30 seminaristi anziani. Quindi, arrivarono nuovi studenti dalle diocesi del Paese.

Il 7 dicembre 2019, il vescovo Nguyen ordinò 26 seminaristi come diaconi e 11 come sacerdoti. La diocesi di Thai Binh conta attualmente 138 sacerdoti, che servono circa 160 mila cattolici nelle province di Thai Binh e Hung Yen.

Come rettore del nuovo seminario del Sacro Cuore è stato designato padre Dominic Dang Van Cau, 58 anni. Il nuovo edificio potrà ospitale fra i 200 e i 300 studenti.

La Chiesa cattolica in Vietnam, organizzata in 27 diocesi, conta al momento 11 seminari maggiori e 2824 seminaristi.

Ti potrebbe interessare