#WMOF2018. L’Irlanda si prepara ad accogliere le famiglie di tutto il mondo

Logo evento
Foto: da una pagina twitter, pd
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

È partita, anzi sono già caldi i motori della macchina organizzativa che sta lavorando alla preparazione dell’Incontro mondiale delle famiglie (World Meeting Family 2018). L’appuntamento, che avrà per tema “Il Vangelo della Famiglia. Gioia per il mondo”, si terrà a Dublino dal 21 al 26 agosto 2018 e vedrà confluire nella capitale irlandese famiglie di tutto il mondo. Oggi, presso la Sala Stampa della Sala Sede, sono state presentate le sette catechesi “semplici e stimolanti, per scandire i passi di avvicinamento delle diocesi, ma anche delle parrocchie e delle singole famiglie” in preparazione al IX Incontro. 

Ogni tre anni la Chiesa convoca il più grande incontro internazionale delle famiglie di tutto il mondo. Fu Papa Giovanni Paolo II nel 1994 a creare l’evento, con l’obiettivo di celebrare il ruolo della Chiesa nella Chiesa nella costruzione della famiglia.

Papa Francesco ha scelto l’arcidiocesi di Dublino per ospitare il IX Incontro Mondiale delle Famiglie. In una lettera del 25 marzo scorso Papa Francesco ha invitato coloro che organizzeranno e parteciperanno all’incontro ad approfondire “l’insegnamento di Amoris laetitia, con cui la Chiesa desidera che le famiglie siano sempre in cammino, in quel peregrinare interiore che è manifestazione di vita autentica”.

Il Cardinale Kevin Farrell, Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione dell’evento commenta: “L’incontro di Dublino va al cuore del rapporto fra Vangelo e mondo di oggi e il nodo è proprio la famiglia. Papa Francesco, basandosi sul disegno di Dio, ha risposto alla domanda: sì!, la famiglia è ancora una buona notizia per l’oggi. Il sogno di Papa Francesco, consegnato all’incontro di Dublino, è quello di una Chiesa in uscita, non autoreferenziale, una Chiesa misericordiosa… e sappiamo quanto le famiglie cristiane siano luoghi di misericordia e testimoni di misericordia”.

Le sette catechesi sono costruite attorno alla pagina evangelica dello smarrimento di Gesù dodicenne e il suo ritrovamento nel Tempio, mostrando un intreccio tra il testo di Amoris Laetitia e la vicenda singolare della Santa Famiglia di Nazareth svelando quanto “attuale e Profetico” sia l’annuncio del Vangelo della famiglia. I sette passi delle catechesi sono accompagnati da un emozionante itinerario musicale con altrettanti brani eseguiti dal Maestro Bocelli nel Concerto alla Basilica della Sagrada Familia di Barcellona.

Marco Tibaldi, organizzatore dell’evento, intervenuto alla conferenza stampa, precisa: “La prima decisione strategica è quella di rendere disponibili tutti i materiali in formato digitale, per consentire una loro divulgazione gratuita e capillare, anche a coloro che magari non avrebbero occasione di visionarli nel formato tradizionale cartaceo, mentre potrebbero accostarsi ad essi se ‘incontrati’ durante una navigazione sul web. Con questo si vuole favorire in modo particolare l’approccio al mondo giovanile e dei sempre più numerosi nativi digitali. In secondo luogo, si è deciso di confezionare una serie di prodotti multimediali al fine di rendere più coinvolgenti gli itinerari di formazione, attraverso l’utilizzo della musica e del linguaggio visuale”.

Catechesi e itinerario musicale saranno disponibili online sul nostro sito e scaricabili in cinque lingue dal prossimo 2 febbraio, festa liturgica della Presentazione al Tempio. Come ulteriore sussidio verranno realizzati, mensilmente, piccoli video riassuntivi, utili per proiezioni in gruppi e parrocchie. Anche questi disponibili sul sito www.laityfamilylife.va e sul canale YouTube del Dicastero.

I momenti previsti dal programma del IX Incontro internazionale saranno: il 21 l’inaugurazione in tutte le Diocesi irlandesi, dal 22 al 24 il congresso, il 25 il festival delle famiglie e il 26 la Messa di chiusura.

Ti potrebbe interessare