Angela Merkel torna in Vaticano, dal 2005 una presenza costante

Benedetto XVI e Angela Merkel
Foto: L'Osservatore Romano - CPP
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Angela Merkel, Cancelliere della Repubblica Federale di Germania dal settembre 2005, ha ormai una certa consuetudine con il Palazzo Apostolico Vaticano.

La visita della Signora Merkel in Vaticano arriva all’indomani della morte del suo padre politico: l’ex cancelliere democristiano Helmuth Kohl, artefice della riunificazione tedesca. Kohl ha guidato ininterrottamente il governo tedesco dal 1982 al 1998. Nei suoi governi Angela Merkel è stata prima ministro per le donne e i giovani, e ministro dell’Ambiente poi.

Frau Merkel ha incontrato il Papa per la prima volta in occasione della Messa di inizio pontificato di Francesco per poi farsi ricevere in udienza privata il 18 maggio dello stesso anno, era il 2013.

Il Papa ed il Cancelliere tedesco si sono rivisti anche prima del G7 del 2015 in Baviera, in occasione del conferimento al Papa del premio Carlo Magno nel 2016 e infine solo pochi mesi per il 60/mo anniversario dei trattati costitutivi dell’Unione Europea.

Evidente e noto è l’apprezzamento che la Merkel ha nei confronti del Papa. Nonostante tra i due le differenze non manchino, a partire proprio da talune politiche del governo tedesco in tema di austerità finanziaria e immigrazione, temi sui quali Francesco richiama costantemente i governi nazionali e le organizzazioni internazionali. 

Molto più freddo e a volte addirittura complicato il rapporto tra Angela Merkel ed il Papa tedesco Benedetto XVI, che la stessa Merkel ha incontrato anche per due volte in Germania. Molto meno frequenti le visite del Cancelliere in Vaticano durante il pontificato benedettino. 

Nel 2011 Angela Merkel tuonò letteralmente contro il suo illustre connazionale dopo la remissione della scomunica ai vescovi lefebrviani, tra i quali anche il negazionista Williamson. 

Anche se non in prima persona, il governo di Angela Merkel attaccò ripetutamente Benedetto XVI dopo la presa di posizione del Papa sull’uso dei preservativi in Africa nel corso del suo viaggio in Camerun ed Angola.

Al momento della rinuncia di Papa Benedetto tuttavia Merkel rese omaggio al Pontefice definendolo “uno dei più grandi pensatori dei nostri tempi”.