40 anni fa la morte del Cardinale Bengsch, il pastore di Berlino divisa dal Muro

Come pastore della città divisa dal Muro, ebbe un permesso mensile per attraversare il Muro e raggiungere così tutti i suoi diocesani

Il Cardinale Alfred Bengsch
Foto: wikipedia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ricorre oggi il 40/mo anniversario della morte del Cardinale tedesco Alfred Bengsch , Vescovo di Berlino dal 1961 fino alla sua morte.

Nato a Berlino il 10 settembre 1921, formatosi presso i gesuiti, durante la II Guerra Mondiale venne arruolato nella Wehrmacht e catturato dall’esercito americano nell’estate 1944.

Tornato alla libertà, venne ordinato presbitero il 2 aprile 1950.

Lavorò nelle parrocchie di Berlino fino al 1954 quando iniziò ad insegnare presso il seminario di Erfurt e poi in quello di Neuzelle.

Nel 1959 Papa Giovanni XXIII lo elegge vescovo titolare di Tubia e ausiliare di Berlino. Viene consacrato dal Cardinale Julius Döpfner.


Nel 1961 venne nominato Vescovo di Berlino dallo stesso Giovanni XXIII, succedendo al Cardinale Döpfner.

Come pastore della città divisa dal Muro, ebbe un permesso mensile per attraversare il Muro e raggiungere così tutti i suoi diocesani.

Dal 1962 al 1965 prese parte al Concilio Vaticano II.

Papa Paolo VI lo crea cardinale di Santa Romana Chiesa ne concistoro del 1967, del titolo di San Filippo Neri in Eurosia da Papa Paolo VI.

Nel 1978 partecipò ai conclavi che elessero Giovanni Paolo I  e Giovanni Paolo II.

E’ morto a Berlino a soli 58 anni il 13 dicembre 1979.

Ti potrebbe interessare