A Gerusalemme scoperto un bagno rituale ebraico che conferma il racconto evangelico

Una chiesa bizantina sconosciuta e un luogo per la purificazione raccontano la vita di Gesù e dei primi pellegrini in Terra Santa

La chiesa bizantina e sullo sfondo la Chiesa del Getsemani
Foto: Custodia di Terra Santa
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Una chiesa bizantina e un bagno rituale ebraico dell’epoca di Gesù. Due eccezionali scoperte archeologiche a Gerusalemme grazie alla collaborazione tra l’ Autorità israeliana per le antichità e lo Studium Biblicum Franciscanum.

Lo scavo a pochi passi dalla chiesa del Getsemani verso la valle del Cedron. Si tratta di una delle prime testimonianze archeologiche del suo tipo di attività del periodo del Secondo Tempio al Getsemani. Le emozionanti scoperte archeologiche sono state presentate poco prima di Natale, dal Custode di Terra Santa, padre Francesco Patton, e dagli archeologi dell'Israel Antiquities Authority, e dagli studiosi dello Studium Biblicum Franciscanum.

“Il Getsemani è uno dei santuari più importanti della Terra Santa,- ha spiegato P. Francesco Patton-  perché in questo luogo la tradizione ricorda la preghiera di Gesù. Anche gli ultimi scavi condotti in questo sito hanno confermato l'antichità della memoria e della tradizione cristiana legate al luogo, e questo è molto importante per noi e per il significato spirituale connesso ai ritrovamenti archeologici".

Negli ultimi anni la Custodia di Terra Santa ha investito nello sviluppo del turismo presso la chiesa del Getsemani e nella valle del Cedron, a beneficio di turisti e pellegrini. Il lavoro di sviluppo comprende un centro visitatori e un tunnel sotterraneo che collegherà la chiesa alla valle del Cedron. Quando gli operai hanno trovato resti antichi, l'Autorità israeliana per le antichità iniziò uno scavo di studio nel sito, diretto da Amit Re'em e David Yeger e con l'assistenza dello Studium Biblicum Franciscanum.

La Chiesa del Getsemani,  situata ai piedi del famoso Monte degli Ulivi, è una delle chiese più importanti della cristianità ed è visitata da migliaia di pellegrini ogni anno. La chiesa, che si vede da tutta la Città Vecchia, fu costruita tra il 1919 e il 1924 sul luogo in cui si ritiene si siano verificati gli eventi del periodo del Secondo Tempio. Quando furono gettate le fondamenta dell'edificio, furono portati alla luce resti di chiese del periodo bizantino e crociato. Tuttavia, non è stata trovata una sola traccia archeologica del periodo del Secondo Tempio, l'era in cui Gesù ha visitato il luogo.

Durante lo scavo del nuovo tunnel per i visitatori, a pochi metri dalla chiesa moderna, i lavoratori sono rimasti sorpresi nello scoprire una cavità sotterranea, che è stata identificata come un bagno rituale del periodo del Secondo Tempio.

Amit Re'em, archeologo del distretto di Gerusalemme per l'Autorità israeliana per le antichità, ha spiegato: "La scoperta del bagno rituale probabilmente conferma l'antico nome del luogo, Getsemani. La maggior parte dei bagni rituali del periodo del Secondo Tempio sono stati trovati in case private ed edifici pubblici, ma alcuni sono stati scoperti vicino a installazioni agricole e tombe, nel qual caso il bagno rituale si trova all'aperto. La scoperta di questo bagno, non accompagnato da edifici, attesta probabilmente l'esistenza di un'industria agricola qui 2000 anni fa, forse produttrice di olio o vino. Le leggi ebraiche di purificazione obbligavano i lavoratori coinvolti nella produzione di olio e vino a purificarsi.

La scoperta del bagno rituale può quindi suggerire l'origine dell'antico nome del luogo, Getsemani (Gat Shemanim, "frantoio"), un luogo dove si produceva olio ritualmente puro vicino alla città “.

Negli anni passati alcuni studi avevano anche confermato che alcuni degli ulivi nel giardino della chiesa sono direttamente discendenti da piante dell'epoca di Gesù. Otto alberi millenari del giardino, ulivi che hanno 900 anni trapiantati ai tempi dei crociati da alberi più antichi, forse quelli che hanno visto l’agonia di Gesù.

Lo scavo ha anche portato alla luce i resti di una chiesa precedentemente sconosciuta della fine del periodo bizantino (VI secolo d.C.) e continuò ad essere utilizzata durante il periodo omayyade (ottavo secolo d.C.). La chiesa era ornata da elementi in pietra finemente scolpiti che ne attestano l'importanza.

Iscrizioni greche trovate inserite nel pavimento della chiesa e decifrate dalla dottoressa Leah Di Segni dell'Università ebraica di Gerusalemme e dal dottor Rosario Pierri dell'Istituto francescano recitano: "per la memoria e il riposo degli amanti di Cristo (croce) Dio che hanno ricevuto il sacrificio di Abrahamo, accetta l'offerta dei tuoi servi e dai loro la remissione dei peccati. (croce) Amen ".

David Yeger ha aggiunto:" È interessante vedere che la chiesa era in uso, e potrebbe anche essere stata fondata, al tempo in cui Gerusalemme era sotto il dominio musulmano, dimostrando che i pellegrinaggi cristiani a Gerusalemme continuavano durante questo periodo anche."

Durante il Medioevo, sul sito fu costruito un grande ospizio o monastero con più stanze, sofisticati sistemi idrici e due grandi cisterne adornate con croci modanate su i loro lati.

Gli archeologi hanno trovato prove della distruzione del sito nel XII secolo d.C., probabilmente a seguito della conquista ayyubide (1187 d.C.). Sulla base di fonti storiche, il sultano ayyubide Salah-a-Din ordinò la demolizione delle chiese e degli edifici sul Monte degli Ulivi e usò le loro pietre per rinnovare le mura della città.

Secondo Amit Re’em, "Gli scavi al Getsemani sono un ottimo esempio dell'archeologia di Gerusalemme in cui varie tradizioni e credenze sono combinate con archeologia e testimonianze storiche. I resti archeologici scoperti di recente saranno incorporati nel centro visitatori in costruzione nel sito e saranno esposti a turisti e pellegrini, che speriamo tornino presto a visitare Gerusalemme ".

Ti potrebbe interessare