Aiuto alla Chiesa che Soffre e con i vescovi Polacchi per sostenere il Libano

Domani si celebra la XIII Giornata di Solidarietà con la Chiesa Perseguitata dal titolo "Solidarietà con il Libano"

La conferenza di presentazione della giornata
Foto: KEP
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"E' importante aiutare gli abitanti del Paese in cui vivono – quest'anno il Libano – affinché non debbano andarsene"  ah detto Mons. Miziński Segretario Generale della Conferenza Episcopale Polacca, durante la conferenza stampa di presentazione della XIII Giornata di Solidarietà con la Chiesa Perseguitata dal titolo "Solidarietà con il Libano", che si celebra in Polonia domenica 14 novembre.

Il Segretario Generale ha osservato che l'aiuto offerto ai Libanesi da Aiuto alla Chiesa che Soffre è inestimabile. "Il Libano ha bisogno oggi della nostra solidarietà che viene dal Vangelo di Gesù Cristo", ha aggiunto. Ha anche chiesto il sostegno attraverso la preghiera e le donazioni.

”Cerchiamo di pensare alle nostre sorelle e ai nostri fratelli che sono rimasti in Libano, ma che non sperimentano la pace e una vita in degne condizioni umane. Anche per questo desideriamo affrettarci in loro aiuto, vogliamo aiutarli a ricostruire le case distrutte, affinché non ci siano bambini lasciati per strada, ma possano frequentare le scuole, affinché, con il passare del tempo, la normalizzazione delle condizioni di vita degne di un essere umano si realizzi sempre di più” – ha dichiarato Mons. Miziński.

L'Arcivescovo Georges Bacouni, Arcivescovo cattolico della Chiesa greco-melchica di Beirut e Byblos in Libano, ha ringraziato la Conferenza Episcopale Polacca e Aiuto Alla Chiesa che Soffre per aver organizzato una giornata di solidarietà con il Libano. Il Libano e i libanesi stanno affrontando una situazione molto difficile, soprattutto dopo l'esplosione nel porto di Beirut nel 2020. La maggior parte delle vittime di questa esplosione, in seguito del quale 100.000 libanesi sono rimasti senza un tetto sulla testa, sono cristiani.

Waldemar Cisło, Direttore della Sezione Polacca di Aiuto alla Chiesa che Soffre, ha osservato che il Libano è oggi sull'orlo di una tragedia. "Il Medio Oriente è quella ferita sanguinante della Chiesa. Non vogliamo che il Libano diventi un altro Paese senza cristiani".

Quest'anno, la Giornata della Solidarietà con la Chiesa Perseguitata cade il 14 novembre e sarà celebrata con il titolo "Solidarietà con il Libano". L'organizzatore di questa Giornata è dell’a Associazione Aiuto alla Chiesa che Soffre. La Giornata della solidarietà con la Chiesa Perseguitata è stata istituita per decisione della Conferenza Episcopale Polacca nel 2008. Si celebra ogni seconda domenica di novembre.

Ti potrebbe interessare