Analisi economica e società civile nel pensiero di Giuseppe Toniolo

L'icona per la beatificazione di Giuseppe Toniolo
Foto: http://www.giuseppetoniolo.net/
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Economia, Vangelo e solidarismo. Sembrano tre parole slegate tra di loro ma cosi non è. Il Vangelo ispira principi e guida l'azione per una corretta economia che si ridivide fra i fratelli. Questo meccanismo è ciò che parte dalla riflessione dell'economista Giuseppe Toniolo (1845-1918).

Laureato in Giurisprudenza, professore universitario di economia politica, sentì dentro di sé il bisogno impellente di ricondurre gli aridi calcoli matematici a prospettive, più umane e più giuste, e dalla cattedra del suo insegnamento profuse lezioni di umanità che rimasero ben scolpite nel cuore dei suoi allievi. Nel suo celebre manuale di principi economici delinea e si riallaccia ai contenuti dell'economia classica legate alle varie componenti della materia innovandone i contenuti alla luce dei valori di solidarietà cristiana.

L'epoca in cui spiegò i suoi giorni l'economista veneto non è stata certamente delle più felici: la Grande Guerra, una rivoluzione sociale e su tutto sfruttamento e marcata impronta capitalistica nei rapporti lavorativi. Toniolo, fedele assertore dei principi, espressi anche nella Rerum Novarum (1891) seppe far confluire tali sue aspettative di giustizia e progresso nell'opera dei congressi (una conferenza cattolica permanente sulle maggiori questioni sociali) che segnarono il riscatto nell'affermazione della dottrina sociale della Chiesa.

Spirò nel 1918 già intuendo le nuove prospettive cristiane che avrebbe dato all'economia politica del dopoguerra.

Ma ciò per ovvie ragioni non gli fù possibile.

Descrivere il pensiero,unitario e programmatico, dell'autore è molto complesso in quanto esso utilizza lo schema dei paradigmi storici ed osserva come la normale funzione dell'apparato amministrativo e della ricchezza hanno creato o meno squilibri.

Il suo agire economico era sempre segnato da un riformismo illuminato delle Istituzioni sociali attente alla salvaguardia delle classi più disagiate e bisognose.

Ciò si inserisce in un piano comune presente anche nelle opere di Federico Ozanam, professore di diritto commerciale, il quale da cattolico e membro della conferenza di San Vincenzo de' Paoli, parallelo al nostro,scrisse pagine cristiane sull'evoluzione dei diritti sociali alla luce del solidarismo cattolico. Nella sua vasta bibliografia, comprendente più di una quarantina fra saggi, articoli e quanto altro, lo stesso enuclea le sue teorie.

Interessante è la lettura del suo libro Il concetto cristiano della democrazia in cui l'autore delinea e spiega il concetto di democrazia dietro l'egida della luce evangelica ed all'interno della compagine Statale.

Con Toniolo si apre la strada della frangia più avanti della cultura cattolica che con serietà ed acume scientifico analizza il sistema economico non alla luce dei dati statistici il dato normativo bensì rilegge le esperienze economiche alla luce del caldo insegnamento cristiano che invita ogni uomo a spendere i propri talenti per una società più autenticamente cristiana.

Beatificato da Papa Benedetto XVI nel 2012 è l'esempio di come si possono ben coniugare la fede e le scienze economiche.

Ti potrebbe interessare