Assisi, Carlo Acutis. Il ricordo di chi lo ha conosciuto

Da Assisi alcune testimonianze di chi ha conosciuto Carlo Acutis, domani beato

Un abitante di Assisi e il manifesto di Carlo
Foto: ACI stampa
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Assisi diventa per Carlo Acutis una “Città Eucaristica” con momenti di Adorazione in diverse chiese del centro storico. Assisi, città simbolo della pace e dell'umiltà, in questi giorni pullula di pellegrini e fedeli da tutto il mondo che fanno visita al prossimo beato. Per le strade si respira un clima di festa, ma allo stesso tempo di preghiera. Proprio come amava fare San Francesco festeggiando per Dio e le sue creature, ma sempre pregando e innalzando lodi al Signore.

Sono tante le persone di Assisi che custodiscono gelosamente nel loro cuore un ricordo legato al giovane beato. Ad Assisi Carlo veniva spesso con la sua famiglia, mamma Antonia e papà Andrea.

Per esempio c'è il signor Francesco, 80 anni, che si ricorda perfettamente Carlo da piccolino. Nel suo volto c'è tanta commozione. "La sua tomba ad Assisi prima era accanto a quella della mia mamma. Carlo è italiano, è di Assisi, è importante per noi, domani sarò sicuramente alla Basilica a celebrarlo. Io sono di Santa Maria degli Angeli, andrò in centro per lui". Il signor Francesco racconta anche che è nato lo stesso giorno del poverello di Assisi. Doppio legame quindi con Carlo e il poverello.

Poi c'è Padre Roberto Gazzaniga, accompagnatore spirituale e incaricato della pastorale dell’Istituto Leone XIII, storica scuola della Compagnia di Gesù a Milano, che ricorda lo studente Carlo Acutis. "Ho il ricordo di un ragazzo di un'affabilità, una signorilità e dlicatezza d'animo veramente notevole. Carlo era un ragazzo che spiccava non solo per la sua grande intelligenza, ma per le sue doti naturali di sensbilità che pero non ha imposto ai suoi compagni, ma con grande naturalezza. Aveva una passione per la vita, Carlo per il nostro ginnasio è stato un dono. Nelle scuole cattoliche si rintraccia più rivalità, più competizione, questo è saputo, ma nessuno è riuscire a sporcare Carlo, una cosa straordinaria. Nessuno ama stare all'ombra degli altri, soprattutto a 15 anni, ma la cortesia di Carlo era riconosciuta da tutti. Era disponibile a stare vicino a chi faceva più fatica, con moltà maturità dava una mano ai suoi compagni e questo non è sfuggito a nessuno", dice tutto d'un fiato l'accompagnatore spirituale.

"Quando lui entrava a scuola dalla parte posteriore, e non quella principale, aveva la sensibilità di salutare sempre il portinaio. Cosa che nessun ragazzo fa, con le cuffiette nelle orecchie di questi tempi. Invece Carlo era signorile in questo. Lui parlava con tutto il personale della scuola. Io gli avevo chiesto di farmi un power point sul volontariato per i ragazzi del liceo, ma non ha mai fatto in tempo a donarmelo. Quando ho saputo della sua malattia sono corso in ospedale, ma era morto. Era vestito con la stessa tuta e le scarpe da ginnastica che ha ora, proprio qui al Santuario della Spogliazione. Aveva uno charme non comune. accompagnatore spirituale dei liceali", continua ancora Padre Roberto nel ricordo di Carlo.

Poi sempre ad Assisi c'è Caterina, insegnante di lettere ormai in pensione. Venticinque anni fa ad Assisi, nel monastero San giuseppe ha incontrato Carlo. "E' nata con la famiglia una profonda amicizia che dura tutt'ora. Ho conosciuto Carlo molto piccolo, aveva 5 anni era un bambino molto vivace, era molto appassionato di tutto, era un bambino virtuoso. A Messa era molto maturo, molto composto, frequentava la Celebrazione Eucaristica ogni giorno, la comunione a 7 anni, nell'adolescenza ricordo l'adorazione Eucaristica, era un bambno molto attenti agli altri, ai poveri, un bambino un pò trascinatore, in qualsiasi ambiente portava solidarietà e allegria". "Ho un ricordo meraviglioso, sono molto emozionata per questa beatificazione. Ad Assisi andavamo spesso al Subasio a fare delle gite, trascorrevamo insieme molto tempo, ricordo la sua vivacità, una santità nella normalità", conclude la signora Caterina.

Padre Boniface Lopez, viceparroco della Parrocchia di Santa Maria Maggiore ( Santuario della Spogliazione ) racconta ad Acistampa: " Sono rimasto molto colpito dalla presenza di tanti pellegrini, in particolare tanti giovani. C'è stata anche molto partecipazione dall'Europa, l'altro giorno ha fatto visita alla tomba di Carlo, per esempio, una famiglia dal Belgio. Poi ci sono state anche delle famiglie con disabili, hanno affidato a Carlo tutte le loro sofferenze. Questo mi ha davvero emozionato".

Per domani gli organizzatori attendono circa 3000 persone. Tutto sempre nel rispetto delle misure anti covid. 

 

 

Ti potrebbe interessare