Caritas Bolzano, nasce il Binario 7. Per persone con problemi di dipendenza

Caritas Bolzano Binario 7 ha cambiato sede, e i nuovi locali sono stati inaugurati ufficialmente la scorsa settimana nell’ambito della Settimana dell’Accoglienza

Locandina evento
Foto: Caritas Bolzano
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il drop-in Binario 7, gestito dalla Caritas su incarico dell’Azienda dei Servizi Sociali di Bolzano, è stato fondato più di 20 anni fa, con l’obiettivo di fornire alle persone con problemi di dipendenza uno spazio d’incontro in cui sentirsi accolti, "un posto sicuro dove poter trascorre qualche momento di tranquillità, ricevendo assistenza in caso di bisogno".

Tuttavia, da circa un anno, Binario 7 ha cambiato sede, e i nuovi locali sono stati inaugurati ufficialmente la scorsa settimnaa nell’ambito della Settimana dell’Accoglienza, ricevendo anche la benedizione di Don Paolo Rizzi.

Il sito della Caritas Bolzano fa sapere che oltre ai dirigenti e collaboratori della Caritas, hanno partecipato alla cerimonia anche alcuni dei partner della rete, tra i quali: Juri Andriollo, Assessore alle Politiche Sociali, al Tempo libero e allo Sport del Comune di Bolzano, e Alexej Paoli, vicedirettore dell’Azienda dei Servizi Sociali di Bolzano, Verena Egger dell’Ufficio provinciale Persone con disabilità e Bettina Meraner del Serd di Bolzano.

Sempre Caritas di Bolzano fa sapere che "il trasferimento dai locali di via Garibaldi a via di Mezzo ai Piani 2, si è reso necessario a causa dei lavori di urbanizzazione del nuovo progetto WaltherPark". Il Comune di Bolzano ha dunque fornito un nuovo spazio, adattandolo alle esigenze del servizio. “La nuova sede di Binario 7 offre molti vantaggi, ma presenta anche nuove sfide”, ha detto il direttore della Caritas Paolo Valente durante la cerimonia d’inaugurazione.

"Il principio guida di Binario 7 è tuttavia rimasto invariato: si tratta di proteggere la salute delle persone con problemi di dipendenza, cercando di ridurre il più possibile il danno, nonché le conseguenze psicologiche e sociali legate al consumo di sostanze stupefacenti, offrendo un sostegno e un aiuto per la sopravvivenza, dando un contributo anche sul piano della sicurezza e della salute pubblica", riporta il sito della Caritas.

“Le persone vengono da noi non necessariamente per essere curate. Li accettiamo per quello che sono; qui possono trascorrere insieme a noi la giornata, possono farsi una doccia e fare il bucato, usufruire del servizio mensa per il pranzo, consegnare le siringhe usate ricevendone in cambio di nuove”, racconta Patrizia Federer, che gestisce Binario 7 per conto della Caritas dal 2004.

L’inaugurazione odierna della nuova sede di Binario 7, seguita dalla benedizione dei locali da parte di Don Paolo Rizzi, si è svolta in occasione della Settimana dell’Accoglienza, manifestazione alla quale partecipano diverse organizzazioni di tutta la Regione Trentino Alto Adige.

Ti potrebbe interessare