Caritas Internationalis, il Cardinal Tagle nuovo presidente

Cardinal Luis Antonio Tagle al Collegio Filippino, Novembre 2012
Foto: Catholic News Agency
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Come previsto alla vigilia, è il Cardinal Luis Antonio Tagle il nuovo presidente di Caritas Internationalis. Il Cardinale ha ottenuto una maggioranza schiacciante, 91 voti su 133 votanti, convergendo su di sé i voti delle agenzie di Asia, Africa, America del Sud. Il cardinale filippino succede così al Cardinal Oscar Andrés Rodriguez Maradiaga. È il primo presidente asiatico di Caritas Internationalis.

Il Cardinal Tagle, che non era presente all’assemblea, ha esordito con un “buona sera a tutti,” rivolgendosi ai delegati delle oltre 130 organizzazioni sotto l’ombrello di Caritas Internationalis. Poi ha ringraziato per “la fiducia, ho capacità limitate, ma con tutti voi, con l’amore che Gesù ha messo nei nostri cuori e nel nome di tutte i poveri del mondo, accetto l’elezione.”

Il Cardinale ha poi esortato a rafforza la Chiesa dei poveri in modo che la nostra testimonianza possa aiutare a creare un mondo di giustizia comprensiva, libertà vera e pace.”

Parole che fanno in qualche modo comprendere come diventerà il profilo Caritas sotto la presidenza dell’attivissimo cardinale filippino. Di certo, il voto esprime una continuità con la presidenza del Cardinal Maradiaga, anche lui un cardinale proveniente dalle periferie, considerato molto avanti sui temi sociali e molto attivo a livello internazionale.

Il Cardinal Tagle proseguirà questo tipo di attività. Il segno che si è voluto dare a questa assemblea generale, con l’invito di padre Gustavo Gutierrez tra i ‘guest speakers’, segnalava proprio la volontà di rendere visibile questo andare alle periferie. Una volontà che è prevalsa sulla necessità, tutta istituzionale ma anche sostanziale, di dare pieno compimento al progetto di riforma di Caritas Internationalis cominciato con i nuovi statuti del 2012. Un progetto incluso in un più ampio progetto di riforma della carità portato avanti anche dallo stesso Papa Francesco.

Era per questo motivo che si era fatta avanti la candidatura di Joseph Soueif, arcivescovo maronita di Cipro, un ponte tra oriente e occidente, con conoscenza della Chiesa sofferente ma allo stesso tempo salde radici nelle istituzioni europee, lì dove i cristiani sono perseguitati in maniera silenziosa e costante. L’arcivescovo Soueif, provenendo da Cipro, avrebbe anche avuto la possibilità di essere presente molto frequentemente nel quartier generale di Caritas Internationalis a Roma. Questione di distanze. Certo che un cardinale viene a Roma periodicamente per le riunioni della congregazione di cui fa parte, e dunque il Cardinal Tagle non farà mancare il suo supporto. 

Nato a Manila il 21 giugno 1957, da Manuel Topacio e Milagros Gokim, il Cardinal Chito (come Tagle ama farsi chiamare) è sacerdote dal 1982, e ha alle sue spalle anche studi alla Catholic University of America. Ha conseguito la licenza in teologia nel 1987 e il dottorato summa cum laude nel 1991, con una tesi sulla collegialità episcopale nella dottrina e nella prassi di Paolo VI, sotto la direzione del teologo Joseph Komonchak.

Tra i suoi impegni, quello di membro del comitato editoriale dell’’Istituto per le scienze religiose di Bologna, impegnato nella stesura della Storia del Concilio Vaticano II, che porta avanti la cosiddetta teoria della “rottura” del Concilio, che si contrappone all’ermeneutica della continuità. Vescovo dal 2001, ha partecipato come delegato delle Filippine ai sinodi del 2005, 2008 e del 2012, in cui èè stato vicepresidente della Commissione per il messaggio. Dal 2011 è arcivescovo di Manila, dal 2012 è cardinale. Considerato da molti il volto nuovo dell’Asia, la sua elezione a presidente di Caritas Internationalis gli dà un pulpito globale che potrebbe lanciarne definitivamente carriera e popolarità.

È membro: delle Congregazioni: per l'Educazione Cattolica; per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica; dei Pontifici Consigli: per la Famiglia (Comitato di Presidenza); della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti; per i Laici; del XIII Consiglio Ordinario della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi.

Per quanto riguarda le altre cariche votato oggi, è stato confermato Michel Roy come segretario generale di Caritas Internationalis, ed eletto Alex Bodmann dall’Austria come tesoriere.

Ti potrebbe interessare