Carlo Acutis, tutto pronto per la beatificazione

A colloquio con il postulatore, tutto ritardato dalla pandemia ma il miracolo c'è

Carlo Acutis
Foto: www.miracolieucaristici.org
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“La beatificazione come si dice è pronta. è stata semplicemente rimandata a causa della pandemia, per l'emergenza sanitaria. Dopo il riconoscimento del miracolo attribuito all'intercessione di Carlo Acutis, di un bambino che vive in Brasile affetto da una patologia congenita al pancreas stiamo aspettando il Nulla Osta dalle autorità Vaticane per poter celebrare la beatificazione”.

Nicola Gori e il postulatore della causa di beatificazione di Carlo Acutis è certo: “la causa di Carlo Acutis è matura per la beatificazione”.

Molti conoscono questo ragazzo di 15 anni per le sue capacità informatiche. In una intervista a EWTN il postulatore spiega “ Carlo Acutis è riusciva a programmare e a sviluppare, idee o siti internet partendo da testi universitari quando faceva la scuole medie, e le elementari.  Quindi immaginate già su questo sfondo un genio per l'informatica portato per queste materie e vi ha inserito lo spirito e la spinta per l'evangelizzazione. Ha usato i nuovi mezzi di comunicazione sociale al servizio del bene, al servizio del Vangelo a insieme anche alla parrocchia e alcuni gruppi di volontariato dei siti internet per far conoscere il Vangelo. Lui amava definirsi un catechista e fin da piccolo voleva fare il catechismo aveva anche ottenuto dal suo parroco la possibilità di fare il catechista in anticipo sull'età. E questo suo desiderio di fare catechismo di catechizzare gli altri si è riversato su Internet”.

Un uso sempre positivo del mezzo e per questo dovrebbe esserne il patrono. Prosegue Gori:“Durante la causa di beatificazione sono state fatte anali dai tecnici informatici sul suo computer per vedere che siti avesse visitato. Tutte le ricerche fatte erano a fin di bene, e soprattutto per realizzare un progetto che gli stava a cuore: la mostra sui Miracoli Eucaristici. Questa mostra, lo ha impegnato un'estate intera, un'estate prima della morte. Si è messo alla ricerca dei luoghi dove sono avvenuti grandi miracoli eucaristici nel mondo quelli riconosciuti dalla Chiesa”.

Lo scopo della mostra per Carlo era avvicinare le persone all’ Eucarestia. Carlo fin da piccolo era un trascinatore di folle, era un trascinatore di persone: “Pensate, riusciva a trascinare i parenti, i genitori alla messa tutti i giorni. Carlo ha saputo coinvolgere intorno a sé gli amici, quelli che venivano a contatto con lui e nessuno rimaneva come dire indifferente, perché poneva degli interrogativi”.

L’altro grande amore di Carlo era Maria: “Lui diceva che l'appuntamento più grande di tutta la sua giornata era la recita del Rosario. Sicuramente lui avrebbe ideato anche un rosario che lui avrebbe disegnato qualche corona particolare. Sicuramente avrebbe diffuso ancora di più il rosario attraverso internet”.

E con queste basi non aveva nessun timore di esporsi in prima persona per difendere la dottrina della Chiesa, “non temeva e ribadiva comunque il suo pensiero, e quello che credeva nella fede ma anche sulla morale della Chiesa. E non aveva nessun timore a ribadire il suo punto di vista, quindi credo che effettivamente Carlo sarebbe stato adatto ai nostri tempi, sia come modello sia come persona da seguire, da ascoltare”.

Nicola Gori ha una certezza: “Carlo Acutis ha lasciato in tutti una sensazione che c'è qualcosa al di là della vita terrena. Lascia quel bisogno e quel desiderio di andare oltre di trovare Dio di trovare un'altra dimensione, ecco Carlo Acutis scuote le coscienze, e dici che c'è un'altra vita dopo questa. Questo é Carlo.”

Ti potrebbe interessare