Cina, muore uno dei vescovi più anziani

Il vescovo Andrea Wang Chongyi
Foto: Agenzia Fides
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Aveva 97 anni, ed ha trascorso l’ultimo mese di vita in cure palliative: l’arcivescovo Andrea Aniceto Wang Chongyi, vescovo di Guiyang, si è spento lo scorso 20 aprile, e i funerali sono stati celebrati lo scorso 22 aprile.

La notizia è stata data dalla Sala Stampa vaticana, che, con ormai una certa consuetudine, aspetta di dare l’ufficialità dei lutti nell’episcopato cinese, data la delicata situazione con la Cina. Sebbene, infatti, si parli sempre più insistentemente di un accordo, almeno sulla nomina dei vescovi, con il governo di Pechino, si può avvertire comunque una certa frizione tra i vescovi che sono stati riconosciuti dalla Chiesa patriottica, legata al governo, e quelli sotterranei.

Fatto sta che l’arcivescovo Wang Chongyi era nel novero di quei vescovi che sono stati riconosciuti sia dal governo cinese, sia dal Vaticano, parte di quel processo di riavvicinamento che ha funzionato a fasi alterne dopo la lettera di Benedetto XVI i cattolici cinesi del 2007.

L’arcivescovo Wang Chongyi era arcivescovo emerito di Guiyang. Veniva da una famiglia di tradizione cattolica, ed entrò in seminario già a 13 anni, poi passando al seminario intermedio San Paolo e quindi a quello maggiore San Pietro. Fu ordinato sacerdote il 24 ottobre 1949, e servì come parroco di Meitan e di Zunyi.

Arrestato e ridotto ai lavori forzati per nove anni durante la rivoluzione culturale . lanciata in Cina da Mao Zedong dopo il “Grande Balzo in Avanti”, che già aveva causato la morte di 30-40 milioni di persone – poté riprendere il suo ministero solo alla morte di Mao. Tornò a Zunyi come parroco nel 1979 e fu nominato parroco a Guiyang, dove fu poi ordinato vescovo nel 1988.

Si legge nel comunicato della Sala Stampa vaticana che l’arcivescovo “con zelo apostolico ha guidato il Popolo di Dio affidatogli. Pastore generoso, preparava con cura gli impegni pastorali. È ricordato anche per la sua gentilezza e la grande cortesia umana”.

Lasciò la guida dell’arcidiocesi nel 2015 – la lettera di dimissioni per raggiunti limiti di età era stata inviata nel 2014 – al suo coadiutore, l’arcivescovo Paolo Xiao Zeijang.

Attualmente, nell’arcidiocesi di Guiyang ci sono 23 sacerdoti e oltre 40 religiose, con circa 100 mila fedeli, che includono i numerosi appartenenti alle minoranze etniche.

Ti potrebbe interessare