Comunità Papa Giovanni XXIII, opportunità per i giovani attraverso il servizio civile

Alcuni giovani del servizio civile
Foto: www.protezionecivile.gov.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sono 228 in Italia e 55 all'estero i posti per i giovani dai 18 ai 28 anni che potranno accedere al Servizio Civile attraverso la Comunità Papa Giovanni XXIII. Per costruire una società migliore come cittadini attivi e nonviolenti.

Obiettivo della Comunità da raggiungere con i giovani? Combattere la malnutrizione in Zambia, offrire un tetto ai bambini di strada di Haiti, integrare i disabili fisici e mentali in Bangladesh; ma vengono proposte anche esperienze di vita in strutture di accoglienza, centri diurni, case famiglia. Sono occasioni per educarsi ed educare alla pace, formarsi sotto l'aspetto professionale, civico e sociale attraverso la condivisione diretta, l'impegno con altri giovani.

Possono presentare domanda i giovani italiani e stranieri in regola con regolare permesso di soggiorno, di età compresa tra 18 e 28 anni, senza precedenti penali; sulla base delle richieste presentate e di colloqui personali verranno formate delle graduatorie per l’accesso al bando. Il servizio civile dura 12 mesi e impegna una media di 30 ore settimanali. I giovani ricevono un contributo spese di 433,80 euro mensili. Nei progetti all’estero viene aggiunta una diaria giornaliera di 15 euro.

"Per la Comunità Papa Giovanni il servizio civile è un’occasione preziosa, per continuare a camminare su sentieri di pace a fianco dei più deboli. Continueremo a dimostrare che il mondo non ha bisogno di armi per difendersi, ma di persone di buona volontà", spiega Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità.

 

Ti potrebbe interessare