Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore di Maria: aderisce anche il CCEE

“Preghiamo quotidianamente - scrivono in una nota i vertici del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa - per la pace, in Ucraina e nel mondo intero, e chiediamo a Dio misericordia"

Mons. Grusas, Presidente del CCEE
Foto: CCEE
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

I Vescovi europei accolgono l’invito rivolto da Papa Francesco ai vescovi di tutto il mondo e ai loro presbiteri a unirsi a lui nella preghiera per la pace e nella consacrazione e affidamento della Russia e dell’Ucraina al Cuore Immacolato di Maria. Lo afferma una nota del CCEE.

Preghiamo quotidianamente  - scrivono in una nota i vertici del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa - per la pace, in Ucraina e nel mondo intero, e chiediamo a Dio misericordia. Con il cuore spezzato, ascoltiamo le voci di quanti soffrono per la follia della guerra, le cui tragiche conseguenze sono davanti ai nostri occhi. Allo stesso tempo, siamo toccati dalla solidarietà di un gran numero di famiglie e persone che offrono rifugio e assistenza a chi ha bisogno di protezione. Facciamo appello alle istituzioni nazionali ed europee affinché sostengano adeguatamente questi sforzi”.

“I vescovi europei – conclude la nota - si uniscono a Papa Francesco nel suo appello urgente: fate tacere tutte le armi. La Quaresima per i cristiani è un tempo di pentimento e di conversione. Questo è il tempo per cambiare il corso, per guarire il mondo. È il tempo di abbandonare finalmente la logica del nemico che cerca lo scontro, e di intraprendere invece un cammino verso la fraternità umana”.

Ti potrebbe interessare