Core Values, la sfida digitale della Chiesa cattolica

Un momento del Convegno
Foto: AH
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Chiesa sempre lavora nella cultura ed entra nel mondo della cultura ed è chiamata ad evangelizzare la cultura e così è molto normale che i grandi della comunicazione digitale siano ospiti della università del Papa per discutere e presentare proposte.

Così il segretario della Segretaria per la Comunicazione, monsignor Ruiz ha spiegato il senso dell’evento che lo scorso 4 novembre ha riunito i leader del mondo digitale alla Lateranense.

La trasmissione dei Valori nell’era digitale è stato il tema di una giornata di studio per rispondere alla sfida di Papa Francesco sulla trasmissione dei valori. Le domande sono sempre più attuali: quale mondo sta nascendo dalla rivoluzione digitale? Come sarà il mondo che lasceranno alle future generazioni?

A patrocinare l’iniziativa oltre la Segreteria per le Comunicazioni della Santa Sede e la  Pontificia Università Lateranense anche La Tela Digitale.

Il convegno è stato presieduto da Monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede, e da Monsignor Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranense.

L’incontro si è  strutturato in tre aree, secondo l’ambito di competenza dei rappresentanti della frontiera digitale: la pubblicità, la comunicazione e le nuove tecnologie.

In rappresentanza del mondo della pubblicità ospite Sir Martin Sorrell, amministratore delegato di WPP (Gran Bretagna), Maurice Lévy, presidente di Publicis Groupe (Francia) e Jerry Buhlmann, amministratore delegato di Dentsu Aegis Network (Gran Bretagna).

Tra le personalità che hanno aderito all’iniziativa, un grande contributo è stato dato da Eric Schmidt, presidente esecutivo di Alphabet (Stati Uniti), tramite un messaggio video.

Tra i leader del mondo della comunicazione David M. Zaslav, presidente di Discovery Communications (Stati Uniti); Kenneth W. Lowe, presidente di Scripps Networks Interactive (Stati Uniti) e Naguib Sawiris, presidente di Orascom Telecom (Egitto).

Il dialogo sulle sfide etiche poste dalle nuove tecnologie è uno dei temi centrali dell’incontro, motivo per il quale interverranno il principe Nikolaus di Liechtenstein, presidente della Fondazione per l’Evangelizzazione attraverso i Media (FEM), Carlo D’ Asaro Biondo, presidente delle Relazioni Strategiche Google – EMEA, mentre si attende conferma della partecipazione di Patrick Slim Domit, del Grupo CARSO (Messico).

I partecipanti hanno discusso delle parole del Papa nell’enciclica Laudato Si’“Come mai prima d’ora nella storia, il destino comune ci obbliga a cercare un nuovo inizio”.

Per questo motivo, gli organizzatori, hanno creato l’ hashtag #anewbeginning (un nuovo inizio), per poter sensibilizzare le reti sociali su questo ultimo tema, di forte interesse per il Papa ed i partecipanti.

“Possa la nostra epoca essere ricordata per il risveglio di una nuova riverenza per la vita, per la risolutezza nel raggiungere la sostenibilità, per l’accelerazione della lotta per la giustizia e la pace, e per la gioiosa celebrazione della vita”, queste le parole del Papa in riferimento ai valori che l’era digitale dovrebbe promuovere.

I relatori sono stati ricevuti privatamente dal Papa a Santa Marta la sera del 4 novembre a conclusione della giornata di studio.

 

Ti potrebbe interessare