Coronavirus, Papa Francesco ha donato 35 respiratori ai Paesi più in difficoltà

L’Elemosineria apostolica rende noto i doni fatti da Papa Francesco per la pandemia del coronavirus

Il momento dell'arrivo dei respiratori a Quito, in Ecuador
Foto: José Colmenarez su Vatican News
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Sono 35 i respiratori donati da Papa Francesco ai Paesi colpiti dalla pandemia e con un sistema sanitario più in difficoltà. Lo comunica l’Elemosineria Apostolica.

“Nelle ultime settimane – scrive un comunicato dell’Elemosineria - per il tramite delle Nunziature Apostoliche, il Santo Padre ha donato 35 respiratori”.

I ventilatori polmonari sono stati così ripartiti: 4 per Haiti; 2 per la Repubblica Dominicana; 2 per la Bolivia; 4 per il Brasile; 3 per la Colombia; 2 per l’Ecuador; 3 per l’Honduras; 3 per il Messico; 4 per il Venezuela; 2 per il Camerun; 2 per lo Zimbabwe (tramite la Conferenza episcopale locale); 2 per il Bangladesh; e 2 per l’Ucraina.

In particolare, i respiratori indirizzati all’Ecuador sono sono arrivati questa settimana, per essere destinati dalle autorità locali all’ospedale "Eugenio Espejo" di Quito ,e sono stati messi subito in funzione.

Ti potrebbe interessare