Cosa significa la revisione del Codice per il Cammino sinodale in Germania?

Risponde monsignor Markus Graulich sottosegretario del Pontificio Consiglio per i testi legislativi

Mons Markus Graulich
Foto: Herder
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La riforma del VI libro del Codice di Diritto canonico risponde anche da alcune delle istanze che si muovano in alcuni paesi come la Germania. 

Lo spiega monsignor Markus Graulich sottosegretario ai Testi legislativi in una intervista a CNA in tedesco. 

“Il momento è esplosivo: non è solo in Germania che le bandiere arcobaleno LGBT stanno sventolando da diverse chiese, le unioni omosessuali sono state benedette in una protesta pubblica. Alla Giornata Ecumenica della Chiesa, la Santa Comunione è stata recentemente data ai protestanti, e ritorna con forza la richiesta della ordinazione delle donne, soprattutto nel “Cammino sinodale” della Chiesa in Germania. Il diritto canonico è un mezzo per chiarire questo?

Ovviamente. Il diritto canonico è molto chiaro in queste materie, altrimenti non sarebbe una legge. Tuttavia, come ho detto, può essere solo un mezzo di chiarimento se viene anche utilizzato. La domanda che sorge qui è: da cosa ci lasciamo guidare? Dalla dottrina e dal diritto, cioè da criteri oggettivi, o dal sentimento del momento o dallo spirito del tempo? Se tutto si basa su un certo pio desiderio, allora anche il miglior sistema legale è inutile.

Puoi farci un esempio specifico?

C'è, ad esempio, la norma nel can. 1371 §1: “Chi non obbedisce alla Sede Apostolica, all'Ordinario o al Superiore, che legittimamente comanda o proibisce, e dopo essere stato ammonito persiste nella disubbidienza, sarà punito, a seconda della gravità del caso, con una pena, con la la decadenza dalla carica o con altre pene del can. 1336 §§ 2-4.” Questa norma era simile nell'attuale Codex - non è stata applicata.

Lo stesso vale per il nuovo § 4 del can. 1379: “Chiunque dà deliberatamente un sacramento a chi è interdetto, sia punito con la sospensione, alla quale si possono aggiungere altre pene a norma del can. 1336 §§ 2-4.” Sarà applicata questa norma?

Naturalmente lei qui parla di un rischio fondamentale...

Ebbene, il rischio è che l'applicazione della legge porti a pratiche diverse: paesi in cui viene effettivamente applicata, paesi in cui non lo è. Questo quindi contraddice l'obiettivo dell'ordinamento giuridico: avere una pratica uniforme nella chiesa”.

Ti potrebbe interessare