Cristiani e società nel colloquio tra il Papa e il primo ministro irlandese

Il Papa ed Enda Kenny
Foto: L'Osservatore Romano / Aci Group
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nel comunicato ufficiale della Sala Stampa della Santa Sede si descrivono come cordiali i colloqui che “hanno evocato lo storico legame tra la Santa Sede e l’Irlanda, e hanno sottolineato il costante contributo assicurato dalla Chiesa cattolica in campo sociale ed educativo.

Ci si è soffermati pure sull’importanza del ruolo dei cristiani nello spazio pubblico, soprattutto nella promozione del rispetto della dignità di ogni persona, a cominciare da quelle più deboli e indifese. La conversazione è quindi proseguita con uno scambio di vedute sull’Europa, con particolare riferimento al fenomeno migratorio, all’occupazione giovanile e alle principali sfide che il continente è chiamato ad affrontare, dal punto di vista politico ed istituzionale”.

Il primo ministro era accompagnato da una piccola delegazione di cui era parte l’ambasciatrice irlandese presso la Santa Sede. Tra la signora e il Papa anche una breve scambio di auguri personali.

Kenny ha regalato al Papa una riproduzione di una vetrata di Henri Clarke, con la scena della natività.

Il Papa ha donato le medaglie del pontificato, la Laudato sì, la Amoris laetitia e la Misericordia et misera e una acquaforte del progetto originario della nuova basilica di San Pietro.

Il Primo ministro ha poi incontrato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, accompagnato da Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati.

Ti potrebbe interessare