Dialogo Interreligioso: religione e violenza sono incompatibili

Papa Francesco con Muhammad al- Issa, Segretario Generale della Lega Musulmana Mondiale (LMM), accompagnato da una Delegazione.
Foto: L'Osservatore Romano, ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ha ricevuto ieri in Udienza Muhammad al-Issa, Segretario Generale della Lega Musulmana Mondiale. Lo stesso giorno ha avuto luogo, presso il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, un incontro tra il Cardinale Jean-Louis Tauran, Presidente del Dicastero e la delegazione, nel corso del quale è stato ribadito che religione e violenza sono incompatibili. A darne notizia ufficiale è un comunicato stampa della Sala Stampa Vaticana.

“Le religioni hanno risorse morali capaci di contribuire alla fraternità e alla pace- continua lo stesso comunicato -il fenomeno del fondamentalismo, in particolare quello violento, è preoccupante e necessita di uno sforzo congiunto per contrastarlo. Inoltre, esistono situazioni dove la libertà di coscienza e quella di religione non sono del tutto rispettate e tutelate, onde l’urgenza di rimediarvi, rinnovando il “discorso religioso” e rivedendo i testi scolastici. “Le parti - conclude il comunicato - hanno concordato di stabilire un comitato permanente congiunto, da prevedere in un

prossimo futuro”.

Ti potrebbe interessare