Dieci belle amicizie di santi nella storia della Chiesa

Ecco 10 storie di amicizie tra santi. Da Giovanni Paolo II e Madre Teresa di Calcutta a Santa Felicita e Santa Perpetua

Alcuni santi
Foto: ACI Prensa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un amico fedele "non ha prezzo, non c'è modo di stimarne il valore" ed "è un balsamo di vita, trovato da coloro che temono il Signore", riporta anche la Bibbia. Ecco dieci bellissime amicizie di santi che hanno scoperto quel tesoro e hanno testimoniato al mondo che si può raggiungere una bella, fruttuosa, amicizia fondata nel Signore. 

L'agenzia ACI prensa ne ha riportate e preparate alcune.

San Francesco e Santa Chiara d'Assisi. L'amicizia di questi due santi italiani è una delle più famose all'interno della Chiesa cattolica. Quando San Francesco d'Assisi incontrò Santa Chiara, prese la decisione di "togliere dal mondo malvagio tale prezioso bottino per arricchire con esso il suo divino Maestro". Nel 1212, la giovane fuggì dalla sua casa per consacrarsi a Dio nella chiesa di San Damiano e promise di obbedire a Francesco in tutto. Poi la santa fondò l'ordine delle Clarisse e si dedicò a prendersi cura dei malati che Francesco le mandò. Nel 1225, Santa Chiara si prese cura del suo amico San Francesco, che soffriva di stimmate e la cui salute si era indebolita. Prima di morire nel 1226, San Francesco inviò un messaggio di incoraggiamento a Santa Chiara affinché non si scoraggiasse dalla sua partenza per la Casa del Padre.

San Giovanni Paolo II e Santa Teresa di Calcutta. L'amicizia tra San Giovanni Paolo II, Papa polacco, e Santa Teresa di Calcutta, religiosa albanese e fondatrice delle Missionarie della Carità, è una delle più commoventi per i fedeli negli ultimi anni. La sua vicinanza e il suo affetto erano così grandi che San Giovanni Paolo II chiamava la religiosa "Madre mia". Santa Teresa di Calcutta visitò più volte il suo amico pontefice in Vaticano, e nel 1986 il Santo Padre si recò in India, dove fece visita all'ospizio "Nirmal Hriday" (Sacro Cuore). La suora ha detto che fu "il giorno più felice" della sua vita.

San Vincenzo de Paoli e Santa Luisa de Marillac. Questi due santi francesi avevano in comune la carità, centro della loro vita. San Vincenzo de Paoli sentì la chiamata a servire i poveri all'età di 36 anni. Decise di fondare la Congregazione della Missione, conosciuta come Vincenziani o Vincenziani, per evangelizzare i biognosi. Anni dopo, San Vincenzo incontrò Santa Luisa de Marillac, una vedova coraggiosa e determinata che si consacrò a Dio e alla quale San Vincenzo impartì la formazione spirituale. Santa Luisa ha sostenuto il suo amico per 30 anni coordinando la preghiera delle donne e i gruppi di beneficenza che il santo ha fondato. Nel 1633 fondarono insieme la Compagnia delle Figlie della Carità, conosciute come suore vincenziane.

Santa Teresa di Gesù Bambino e Santa Elisabetta della Trinità. Santa Teresa di Lisieux e Santa Elisabetta della Trinità erano due monache carmelitane francesi la cui amicizia si basava sulla loro profonda vita spirituale. Santa Elisabetta, chiamata la "sorella spirituale" di Santa Teresa, scrisse diversi libri sulla Santissima Trinità. Le due piccole sante desideravano ardentemente poter raggiungere il Cielo e stare con il loro amato Gesù. Sono morte prima di compiere 30 anni.

Santa Rosa di Lima e San Martín de Porres. Questi sono i due santi più importanti del Perù e si distinguono per la loro testimonianza di umiltà e dedizione ai più bisognosi. La tradizione dice che entrambi furono battezzati nella chiesa di San Sebastián, a due anni di distanza. Entrambi appartenevano all'ordine domenicano. Santa Rosa de Lima era una terziaria, mentre San Martino de Porres era un fratello laico. Nella chiesa della Vergine del Rosario approfondivano la loro amicizia mentre si prendevano cura dei poveri malati e degli schiavi.

Sant'Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio. Questi due santi spagnoli si incontrarono all'Università della Sorbona, a Parigi. All'inizio, San Francesco considerava Sant'Ignazio un ostile, perché gli ripeteva sempre la frase di Cristo: "A che serve a un uomo vincere il mondo intero, se perde se stesso?" A poco a poco il giovane mise da parte la sua vanità e fece gli esercizi spirituali creati da Sant'Ignazio.

Santa Teresa d'Avila e San Giovanni della Croce. Teresa era una giovane donna sognante e determinata quando prese i voti all'età di 21 anni nel 1536. Lì si rese conto che le monache carmelitane in Spagna e altrove erano decadute ed erano diventate una sorta di centro sociale per tutti coloro che desideravano una vita facile e rilassata. Quando la santa iniziò a fondare nuovi conventi carmelitani, incontrò San Giovanni della Croce, un giovane frate e, dopo averlo incontrato, lo invitò a far parte della riforma del Carmelo per rivitalizzare il carisma originario della povertà e della preghiera. Questi amici hanno anche scritto bellissime poesie, una di queste è "Nulla ti turbi".

San Giovanni Bosco e San Domenico Savio. Dopo essere stato ordinato sacerdote nel 1841, San Giovanni Bosco aprì un oratorio dove radunò centinaia di giovani per formarli. A quel tempo, un sacerdote lo presentò a un ragazzo di nome Domenico. Il santo rimase impressionato dalla vita spirituale e dalla gioia del ragazzo. Pertanto, decise di accoglierlo e divenne la sua guida spirituale. Una notte, Don Bosco trovò Domenico tremante dal freddo nel suo letto e coperto solo da un lenzuolo. Di fronte alla preoccupazione di san Giovanni Bosco, il suo piccolo amico lo prese con umorismo e disse scherzando: "Nostro Signore non ha preso alcuna polmonite nella stalla di Betlemme". Il piccolo Santo Domenico morì nel 1857. Due anni dopo, San Giovanni Bosco fondò i Salesiani insieme a un gruppo di giovani.

San Cornelio e San Cipriano. Papa San Cornelio e San Cipriano, allora vescovo di Cartagine, testimoniarono la loro fede di martiri di fronte alla persecuzione subita dall'Impero Romano. San Cornelio fu il ventunesimo papa e si confrontò fermamente con il sacerdote Novaziano, che proclamò l'eresia che la Chiesa cattolica non aveva il potere di perdonare i peccati. Il santo Pontefice lo affrontò e fu sostenuto in questo dibattito dall'amico San Cipriano.

Santa Felicita e Santa Perpetua. Santa Perpetua era una giovane madre di 22 anni proveniente da una famiglia benestante e Santa Felicita era la sua schiava. Entrambe sono state arrestate e imprigionate per essere cristiane. In prigione, i cristiani hanno aiutato Santa Perpetua a stare con il suo bambino durante gli ultimi giorni della sua vita. Da parte sua, Santa Felicita ha dato alla luce una bambina in prigione. Morirono martiri. Dopo la morte delle due, i cristiani furono incaricati di crescere la figlia di Santa Felicita, e i parenti di Santa Perpetua erano incaricati dell'educazione del loro bambino.

Ti potrebbe interessare