Domenico Pompili nuovo vescovo di Rieti in un abbraccio di tutta la città

Domenico Pompili appena consacrato vescovo di Rieti
Foto: AA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

É una festa di tutta la città dove, da un centinaio d’anni, non si consacrava più un vescovo. Rieti ha accolto il nuovo vescovo Don Domenico Pompili, come si accoglie un figlio. Nel sabato pomeriggio di fine estate, dopo un temporale il sole è tornato sulla illustre cattedrale reatina addobbata a festa. Domenico Pompili è stato consacrato dal cardinale Angelo Bagnasco del quale è stato collaboratore alla Conferenza Episcopale italiana come portavoce per diversi anni. Con lui vertici della CEI e il cardinale Giuseppe Betori che in CEI è stato segretario generale.

Vescovi e sacerdoti da tutto il Lazio e molti colleghi giornalisti del neo vescovo, emozionato fino alla lacrime quando ha ricordato i genitori e fratelli recentemente scomparsi. Nella omelia davanti alla cattedrale tanto affollato da richiedere dei maxi schermi anche sulla piazza per la grande presenza di fedeli, il cardinale Bagnasco ha ricordato che ai vescovi “non e' chiesto di essere dei conquistatori di anime, ma di essere loro per primi conquistati da Cristo.” Il cardinale ha spiegato come la paternità che viene dall’episcopato sia una dilatazione del cuore che permette una “sapienza, lucida e insieme benevola, propria del padre di famiglia che guarda nella verità i suoi figli, e li sostiene con amore” perché “sarai rivestito di un manto di pazienza che sa che i tempi di Dio non sono i nostri, e che la Chiesa e' innanzitutto di Cristo: noi siamo servi inutili, poveri uomini”.

Tra i consacranti il segretario della Cei, Nunzio Galantino, e ai vescovi emeriti di Rieti, Delio Lucarelli, e di Viterbo, Lorenzo Chiarinelli. Concelebravano i cardinali Giuseppe Betori, Gualtiero Bassetti, e Agostino Vallini.

Terminata la celebrazione eucaristica il nuovo vescovo ha anche preso possesso della cattedra e rivolto il suo primo saluto ai tutti.  “Il Vangelo che abbiamo proclamato - ha detto - si riassume in una sola parola 'Effeta!', l'imperativo 'apriti!' che compie il miracolo di restituire a ciascuno la parola e la disponibilità' ad ascoltarsi” perché la sordità é anche una condizione psicologica e  “la fede é l'antidoto più efficace a questa sordità.

Poi il momento della festa, il saluto ai tanti che erano riuniti nel chiostro di San Domenico e nella chiesa di San Francesco, e infine l’abbraccio degli amici nelle sale del vescovado aperte sulla città. Una festa con i prodotti delle terra reatina, una festa per tutti. Il vescovo ha abbracciato davvero tutta la città non risparmiandosi.

L’accoglienza era iniziata alle 15.30 con l’ingresso in città in Piazza della Repubblica, a Porta Romana. Poi la processione verso la cattedrale dove erano stati preparati 1100 posti.

I giornali locali da giorni preparano l’evento e la città si è impegnata al massimo. L’entusiasmo è grande per l’arrivo di un vescovo giovane, Pompili ha 52 anni, e la biografia di don Domenico è raccontata con foto della sua infanzia ad Acuto nella provincia di Frosinone.

L’entusiasmo si fa concreto anche con il primo impegno. Pompili questa mattina ha incontrato i giovani della sua diocesi di origine insieme ai reatini nel Santuario di Greccio in preparazione della GMG di Cracovia.

“ Sono pronto a dar voce ai reatini” aveva detto Pompili nella sua ultima intervista prima della consacrazione “ un vescovo vive come tutti con i piedi per terra”. E di problemi sociali dovrà affrontarne il neo vescovo tra crisi e problemi di accoglienza. Ma concludeva : “ Non sarà difficile incontrarsi e poi provare insieme a lasciarci ispirare dal Vangelo che San Francesco proprio nella Valle Santa rese palpabile nella sua semplicità e nella sua possibilità”.

Auguri don Domenico e benvenuto nella pienezza del sacerdozio.

Ti potrebbe interessare