Don Costa: La LEV a Pordenone è "ascoltare, leggere, crescere"

Don Costa e Papa Francesco
Foto: Agenzia info salesiana
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Ascoltare, leggere, crescere. E’ il filo conduttore della decima edizione della Libreria Editrice Vaticana a Pordenone. L’evento si presenta con una serie di eventi mirati a far conoscere operatori, testimoni e produzioni editoriali. La conoscenza di questa realtà permetterà a sua volta di far crescere l’attenzione dei lettori. ACI Stampa ha intervistato il direttore della Libreria Editrice Vaticana, Don Giuseppe Costa:

Don Costa ci può raccontare meglio questa iniziativa “La Libreria Editrice Vaticana” a Pordenone?

"Questa è un’iniziativa di promozione culturale, nata dieci anni fa grazie a Sandro Sandrin, Presidente di Europa92, un’associazione/agenzia che organizza eventi a livello territoriale e ha voluto dedicare un evento speciale alla LEV legandola ai contenuti della produzione di questa editrice, contenuti di arte vaticana, di encicliche, problematiche sociali. In questi dieci anni la manifestazione si è andata sviluppando. In questo decimo anno ci sono più iniziative rispetto agli scorsi anni".

In particolare?

"Quest’anno c’è anche la Regione del Friuli Venezia Giulia che ci garantisce un sostegno per la manifestazione".

Quali sono i temi che ha scelto la LEV a Pordenone?

"Sono temi che cercano di interessare più persone possibile. Cerchiamo di coinvolgere tutti. Abbiamo anche coinvolto il Cardinale Pietro Parolin che ha partecipato all’apertura dell’evento a fine agosto, una bella apertura!".

Don Costa ci parli del fitto programma di eventi…

"Il programma prevede vari interventi. Alcuni eventi si prolungano per tutta la durata dell’edizione: come ad esempio la mostra fotografica di Giovanni Chiaramonte di “Jerusalem”, una mostra molto interessante: una serie di suggestivi scatti della città di Gerusalemme dalle tavole della legge alla tomba di Davide. La zona dell’Udinese è una zona dove c’è molto attenzione all’arte fotografica. L’apertura dell’evento prevede per il 17 Ottobre un concerto con il Cardinale Baldisseri insieme all’Abate Primate Notker Wolf, sarà un bel concerto di richiamo, questa sala di concerti viene aperta solo per grandi pianisti. Poi tante occasioni e appuntamenti".

Può raccontarcene qualcuna?

"Ci saranno incontri anche in diversi luoghi e per la prima volta anche in diverse scuole. Per esempio “Girotondo in cucina”, tra religione, gastronomia e letteratura. E’ un libro di ricette di Giovanna Ioli e ci sarà anche il famoso chef internazionale Filippo La Mantia. C’è molta attesa tra gli studenti, perché lo chef si esibirà e mostrerà alcune ricette legate alle feste religiose. Poi ci sarà anche un incontro le famiglie nella base americana di Aviano.  Poi interessante sarà l’incontro con mons. Daniel Callagher, scrittore sezione latina della Segreteria di Stato Vaticano, che stimolerà gli studenti allo studio del latino. Tenendo conto del carattere sintetico del latino, il fenomeno di “twitter” non sembra una cosa banale. L’arte del breviloquio ci aiuta a capire non solo il modo migliore per promuovere il latino oggi, ma anche la natura e la storia della lingua stessa nei secoli".

Tra gli appuntamenti “I Papi e lo sport”, un tema particolare…

"E’ una presentazione a Salgareda, in provincia di Treviso, ci sarà l’autrice Antonella Stelitano, ma interverranno anche alcuni tra i campioni mondiali come Marangoni Silvia, medaglia d’oro di pattinaggio. E tra gli ospiti anche mons. Carlo Mazza, cappellano olimpico".

La Lev a Pordenone si concluderà con “Il Premio Internazionale dell’Editoria Religiosa alla memoria di Angelo Ferro”...

"Si, sarà l’appuntamento finale del 29 Ottobre. L’assegnazione del premio all’editoria religiosa è un premio internazionale promosso dall’Unione Cattolica Industriali e Dirigenti di Azienda. Questo premio sottolinea l’importanza dell’editoria religiosa anche in termini imprenditoriali".

Ti potrebbe interessare