Dopo otto secoli il Crocifisso di San Damiano torna nel suo luogo d’origine

Crocifisso San Damiano
Foto: www.assisisantachiara.it
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ il Crocifisso che parlò a San Francesco e che cambiò le sorti della sua vita e anche quelle della Chiesa. “Va e ripara la mia casa”, gli ordinò quel crocifisso e il poverello d’Assisi obbedì. E dal 15 al 19 giugno, dopo quasi otto secoli, il Crocifisso di San Damiano torna esattamente nel luogo dove parlò a Padre Francesco.

 “La comunità di San Damiano – recita una nota dei frati minori - ricevuto il benestare delle sorelle Clarisse del protomonastero di Santa Chiara in Assisi e il placet della soprintendenza di Perugia, comunica un evento davvero eccezionale, pensato dalla comunità stessa in occasione dell’anno Giubilare della misericordia: nei giorni 15-19 giugno 2016 il crocifisso di San Damiano tornerà a San Damiano”.

Domenica 12 giugno, presso il santuario di San Damiano in Assisi si è tenuto anche un incontro descritto dal padre Guardiano – fr. Gianpaolo Masotti – come necessario “prologo” all’ormai imminente storica traslazione del Crocifisso.

Il Crocifisso di San Damiano, la cui notissima icona è diffusa in tutto il mondo, in stile bizantino e prodotta in Umbria nel XII secolo, lascia dunque la basilica di Santa Chiara in Assisi, dove è custodito fin da quando le clarisse vi si trasferirono dopo la morte di Santa Chiara. La storica traslazione è avvenuta mercoledì 15 giugno 2016, al santuario di San Damiano in Assisi. La celebrazione di apertura sarà presieduta dal ministro provinciale dei Frati minori dell’Umbria, padre Claudio Durighetto, alle ore 12.

L'ingresso in chiesa per la venerazione del Crocifisso di San Damiano avrà orario continuato 6.30-23.00. Tutti gli altri luoghi del
Santuario potranno essere visitati nel consueto orario: 10-12; 14-18.

Ti potrebbe interessare