E' morto il cistercense Padre Sebastiano Paciolla

Decano della Facoltà di diritto civile della Pontificia Università Lateranense, nel gennaio scorso era diventato Consultore del Pontificio Consiglio per i testi legislativi

P. Paciolla con Benedetto XVI
Foto: Barletta Live
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il 22 giugno è tornato alla casa del Padre padre Sebastiano Paciolla, dell’Ordine Benedettino Cistercense della Congregazione di Casamari. Aveva 59 anni.

Il religioso era nato il 2 ottobre 1962 a Barletta. Dal padre Francesco, diacono permanente, e dalla madre Angela apprende in famiglia la vita di fede e di preghiera.

Figlio spirituale del venerabile don Ruggero Caputo, giovanissimo, entra nella Congregazione cistercense di Casamari della quale vive il carisma e la vocazione monastica.

Il 12 luglio 1986 terminati gli studi filosofici e teologici viene ordinato sacerdote.

Iscritto presso la Pontificia Università Lateranense, consegue la licenza ed il dottorato in diritto canonico (1992) ed in Utroque iure presso il medesimo ateneo (1999).

Intrapresa la carriera accademica, in qualità di professore di diritto comune e di storia del diritto nel medesimo ateneo è chiamato ad essere Decano della Facoltà di diritto civile fino alla scomparsa.

Dal 2005 al 2008, vista la competenza maturata, è nominato Promotore di giustizia presso la Rota romana.

Nel 2007 è superiore della comunità cistercense dei Santi  Vincenzo e Anastasio a fontana di Trevi.

Il 28 febbraio 2008 Papa Benedetto XVI lo nomina Sottosegretario della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica e dal 2018 ricopre l'incarico di Referendario presso il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Dall'anno successivo assume anche l'incarico di Promotore di giustizia.

Papa Francesco il 21 gennaio 2021 lo nomina consultore del Pontificio consiglio per i testi legislativi con speciale competenza per il diritto della chiesa latina.

Autore di moltissimi contributi in tema di diritto monastico e canonico nel corso della propria attività ha  svolto con cura e disponibilità le sue funzioni al servizio della comunità ecclesiale.

Tra i molti interventi ai convegni ed alle conferenze alle quali era invitato si ricorda quello presso l'Ateneo Antonianum di Roma, nel 2018, nel quale approfondì il tema della consacrazione religiosa, evidenziando come ius sequitur vitam.

L'Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie monsignor Leonardo D'Ascenzo, che ebbe modo di conoscere padre Paciolla quale compagno di studi, nel proprio messaggio di cordoglio alla famiglia lo ricorda come un religioso mite e di profonda spiritualità.

Ti potrebbe interessare