Ecco Vativision, la piattaforma on demand ispirata al Vaticano

Da giugno parte una novità on demand: la piattaforma con documentari, film e serie tv, anche in produzioni originali, con distribuzione mondiale, ispirate al Vaticano e al mondo cattolico

Logo Vativision
Foto: Vativision
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Da giugno parte una novità on demand: la piattaforma con documentari, film e serie tv, anche in produzioni originali, con distribuzione mondiale, ispirate al Vaticano e al mondo cattolico. I contenuti saranno disponibili con la formula pay-per-view. La nuova iniziativa è frutto della collaborazione tra Officina della comunicazione e Vetrya.


L’iniziativa, online dall’8 giugno, è stata presentata giovedì mattina. “Siamo felici di poter finalmente mettere a disposizione degli utenti un servizio di valore, frutto della sensibilità, della conoscenza e dell’esperienza che Officina della Comunicazione e Vetrya hanno maturato negli anni nei loro rispettivi settori– hanno dichiarato gli Amministratori delegati della società Nicola Salvi ed Elisabetta Sola a Vatican News– crediamo fortemente nel progetto VatiVision e nella sua mission, che è quella di offrire un servizio in grado di contribuire tramite le nuove tecnologie di cui disponiamo a diffondere ulteriormente il messaggio cristiano con contenuti di grande valore e spessore narrativo”.


VatiVision sarà distribuito in tutto il mondo via internet collegandosi a www.vativision.com oppure come app su smartphone, tablet, smart tv e set-top box, dove è già presente in tutti gli store digitali. Ora parte in Italia, ma presto arriverà negli Stati Uniti, Messico, Argentina, Filippine, Spagna, Polonia ed altri Paesi.


Il Prefetto per la comunicazione della Santa Sede, Paolo Ruffini, commenta a Vatican News: “È bello che questo progetto nasca da privati che hanno capito l’importanza di una offerta di contenuti di qualità legati alla tradizione e alla cultura cattolica. Il Vaticano guarda con favore a questa iniziativa che non è istituzionale. Non è una cosa del Vaticano o della Chiesa, ma di imprenditori privati”.

 

Ti potrebbe interessare