Egitto, il precedente di Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II in Egitto nel 2000
Foto: ©GIANCARLO GIULIANI/CPP
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Dobbiamo tutti operare per rafforzare l'impegno crescente a favore del dialogo interreligioso, un grande segno di speranza per i popoli del mondo. Le differenze di religione non hanno mai costituito un ostacolo, ma piuttosto una forma di arricchimento reciproco al servizio dell'unica comunità nazionale". Con queste parole Papa Giovanni Paolo II salutava il popolo egiziano al suo arrivo al Cairo, nel febbraio 2000. Papa Francesco - 17 anni dopo - si appresta dunque a percorrere lo stesso cammino di pace, ecumenismo e dialogo interreligioso tracciato dal suo Santo predecessore.

 

San Giovanni Paolo II ebbe parole d'affetto sia per la comunità cattolica copta definita "segno di unità della Chiesa", sia per quella ortodossa copta. All'allora Papa Shenouda, Giovanni Paolo II ribadiva l'impegno a "evitare  qualsiasi forma di proselitismo, o metodi  e atteggiamenti che sono in antitesi con le esigenze dell'amore cristiano o con ciò  che dovrebbe caratterizzare  le relazioni tra le Chiese". "Non ci conosciamo  a sufficienza - aggiungeva Papa Wojtyla -  troviamo modi  per incontrarci! Cerchiamo forme adatte  di  comunione spirituale,  come la preghiera  unita al digiuno, gli scambi  e l'ospitalità reciproci fra monasteri. Troviamo forme  di cooperazione pratica".

 

L'Egitto è anche la terra dei Dieci Comandamenti. E Giovanni Paolo II - recatosi al Sinai, a differenza di Francesco che invece si recherà solo al Cairo - ricordava:  "I Dieci Comandamenti  non  sono l'imposizione arbitraria di un Signore tirannico. Essi  sono stati scritti nella pietra, ma innanzitutto furono iscritti nel cuore dell'uomo come Legge morale universale, valida in ogni tempo e in ogni luogo. Oggi come sempre, le Dieci Parole della legge forniscono l'unica base autentica per la vita  degli individui, delle società e delle nazioni; oggi come sempre, esse sono l'unico futuro della famiglia umana. Salvano l'uomo dalla forza distruttiva  dell'egoismo, dell'odio e della menzogna. Evidenziano tutte le false divinità che lo  riducono in schiavitù: l'amore  di sé sino all’esclusione di Dio, l'avidità di potere  e di piacere  che  sovverte  l'ordine della giustizia e degrada la nostra dignità  umana  e quella del nostro prossimo. Se  ci allontaneremo da  questi falsi idoli e seguiremo il Dio che rende libero il suo popolo e resta sempre  con lui, allora  emergeremo come Mosè, dopo  quaranta giorni  sulla montagna, risplendenti di gloria".

Ti potrebbe interessare