Funerali del Gran Maestro, il Cardinale Becciu: "La profonda fede animava ogni sua azione"

Ordine di Malta, Celebrati i funerali di S.A.E. il Gran Maestro, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto

Celebrati i funerali di S.A.E. il Gran Maestro, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto
Foto: Ordine di Malta
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Quest’oggi vogliamo ringraziare il Signore per il dono che ha fatto alla Chiesa e all’Ordine di Malta, attraverso l’opera, l’apostolato, la testimonianza e la persona di Fra Giacomo".I funerali del Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto sono stati celebrati nella mattina del 5 maggio, nella Chiesa di Santa Maria in Aventino a Roma, dal Cardinale Giovanni Angelo Becciu, Delegato Speciale del Santo Padre presso il Sovrano Ordine di Malta, alla presenza delle sorelle, fratelli e dei membri del Sovrano Consiglio.

In ottemperanza alle misure di restrizione in atto per il Covid 19, il rito funebre è stato celebrato in forma ridotta per essere ripetuto quattro volte nell’arco della giornata permettendo ai parenti, al governo dell’Ordine, ai collaboratori più stretti, ad una rappresentanza diplomatica, nonché ai medici che hanno curato Fra’ Giacomo negli ultimi mesi e alcuni di volontari dell’Ordine di Malta, di dare l’estremo saluto. E in più il funerale è stato trasmesso in diretta streaming su un canale YouTube.

"Questo contrasto di vuoto-pienezza, di pochezza-moltitudine, simboleggia da una parte l’umiltà con la quale ha vissuto e operato Fra’ Giacomo, dall’altra la silenziosa quanto feconda opera dei Membri e delle migliaia di volontari dell’Ordine che lui ha guidato con saggezza e spirito di servizio. Essi si stanno prodigando generosamente nell’aiuto ai malati e ai poveri, duramente provati in questo periodo di pandemia, proseguendo così nell’azione solidale, tipica dell’Ordine,", commenta il Cardinale Becciu nell'omelia.

Del Gran Maestro del Sovrano Ordine di Malta il Cardinale Becciu ricorda in particolare: "L’amabilità del suo tratto cordiale e sincero nei rapporti umani; la sua mitezza e accoglienza; la profonda fede che animava ogni sua azione; l’amore al Papa e alla Chiesa respirato fin da piccolo nella sua famiglia da sempre legata alla Santa Sede. Con grande disponibilità, ha sempre anteposto il bene comune ad altri interessi o aspirazioni, si è sforzato di operare con rettitudine e generosità, guadagnando così la stima e il comune apprezzamento".

Poi Delegato Speciale del Santo Padre presso il Sovrano Ordine di Malta ha di Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto un ricordo tutto personale: "Era semplice, buono, generoso. Nell’adempimento della propria vocazione di consacrato, egli si è sforzato di aderire sempre più saldamente alla Parola di Dio, accogliendola nella fede e facendola diventare vita della propria vita”.

Il Cardinale Becciu conclude nell'omelia: "Fra’ Giacomo Dalla Torre ha servito la Chiesa servendo con grande ardore i poveri e gli ultimi. Ha sempre venerato e amato la Chiesa. Senza l’amore appassionato per la Chiesa tutto diventa in lui incomprensibile. Oggi, guardando questo nostro fratello, scorgiamo quanto l’amore di Dio lo abbia conquistato e quanto la passione per la Chiesa sia stata una priorità".

Al termine delle messe, Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, la cui salma riposa in un feretro in legno di ulivo, sarà sepolto nella cripta di Santa Maria in Aventino, accanto ai suoi predecessori, Fra’ Angelo de Mojana di Cologna e Fra’ Andrew Bertie.
 

 

Ti potrebbe interessare